4 dicembre 2014 ore: 17:02
Disabilità

Disabilità, nasce Fondazione Lia: ebook per ciechi e ipovedenti

Le persone cieche o ipovedenti, che in Italia sono circa 1,8 milioni di persone, leggono quattro volte di piu'' delle persone normodotate. Per questo e' importante garantire piena accessibilità di lettura a tutti
Fumetto per ciechi

Le persone cieche o ipovedenti, che in Italia sono circa 1,8 milioni di persone, leggono quattro volte di piu'' delle persone normodotate. Per questo e' importante garantire piena accessibilita' di lettura a tutti. Di questo si occupa la neonata Fondazione Lia (Libri italiani accessibili) che ha presentato oggi a Roma, durante la fiera della piccola e media editoria, progetti e attivita' per il futuro. All'attivo Lia ha gia' un catalogo di oltre 8 mila ebook tra narrativa, saggistica, premi letterari e libri per bambini. "Fondazione Lia e' stata costituita nel maggio 2014 per volonta' dell'Associazione Italiana Editori, grazie al sostegno del Mibact e con il supporto dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti.

"La Fondazione- ha detto il segretario generale, Cristina Mussinelli- si occupa di realizzare contenuti editoriali digitali con caratteristiche di accessibilita' per ipovedenti e non vedenti. Accanto a questo, Lia opera attraverso attivita' di educazione, informazione, ricerca e sviluppo, per ampliare l'accesso ai prodotti editoriali delle categorie deboli, come ad esempio i disabili visivi e gli anziani, e delle persone che, per condizioni sociali e culturali, hanno un difficile rapporto con la lettura". Tra le azioni della Fondazione ci saranno iniziative di alto valore sociale come "Segnalibro", che sara' presentato domani nel Teatro del Carcere di Rebibbia, e mira a formare 20 cittadini detenuti - laureati e laureandi - nel campo dell'editoria digitale e specificamente nella realizzazione di e-book accessibili.

"Per il Mibact questo progetto e' un fiore all'occhiello perche' parlando di accessibilita' alla cultura si fa promozione della cultura-ha spiegato il sottosegretario del Mibact, Ilaria Borletti Buitoni- Lia sta portando avanti una missione civile per il paese, promuovendo il diritto di leggere, senza distinzioni per tutti come recita uno dei punti del manifesto Lia".

Per sostenere questi e altri nuovi progetti in via di sviluppo Lia lancia oggi la sua prima campagna ideata per far crescere il catalogo e realizzare nuove azioni di promozione della lettura. Con "Acce(n)di un libro" chiunque puo' segnalare il titolo che vorrebbe realizzato in e-book accessibile per i lettori non vedenti e ipovedenti e contribuire alle attivita' della Fondazione con una donazione che sara' premiata con lo speciale kit di segnalibri Lia che traducono nel linguaggio del colore e dell'arte astratta i sette punti programmatici del Manifesto, realizzati in collaborazione con Streamcolors, giovane 'officina creativa' che fa del colore la sua missione che ha disegnato la grafica, e Handy System, cooperativa specializzata in trascrizioni Braille e a caratteri ingranditi per non vedenti e ipovedenti, per la stampa. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news