9 marzo 2017 ore: 13:02
Disabilità

Special Olympics, atleti in campo con la serie B

L'11 e il 18 marzo 22 società disputeranno le partite insieme con i loro “atleti speciali”.: durante l’intervallo questi atleti faranno squadra attraverso gare di rigori, partitelle, passaggi e tiri in porta, coinvolgendo talvolta i giocatori rimasti in panchina. Lo spot dell'iniziativa, per uno sport unificato
Special olympics con la serie b - da video

ROMA – La Serie B di calcio scende in campo con Special Olympics: l'11 e il 18 marzo, 22 società saranno al fianco degli “atleti speciali”, per rappresentare e promuovere l’inclusione attraverso lo sport unificato. Nella stessa squadra, infatti, sfileranno atleti con e senza disabilità intellettive, a dimostrare che una partita di calcio può essere un'occasione unica per fare cultura. All'iniziativa, che si svolge all’interno del progetto della Lega B “Un Giorno per la nostra città”, prenderanno parte numerosi atleti di Special Olympics Italia, appartenenti alle varie squadre territoriali, e di altre associazioni locali, coordinati dai loro assistenti e tutor. Durante l’intervallo questi atleti faranno squadra attraverso gare di rigori, partitelle, passaggi e tiri in porta, coinvolgendo talvolta i giocatori rimasti in panchina. Al termine, i ragazzi Special Olympics rimarranno in campo per battere il ‘cinque’ ai giocatori.

Nell'ambito del progetto, in collaborazione con la Lega B e con i giocatori della rappresentativa della Serie B B Italia insieme all’allenatore Massimo Piscedda, è stato realizzato un video-spot di 30'' che verrà diffuso sui campi da gioco al fine di “elevare l'attenzione su tematiche sociali e favorire il rispetto di ogni capacità – spiegano i promotori - Passarsi un pallone, giocare insieme, significa, in senso più ampio, aprirsi alla conoscenza delle disabilità intellettive, fare la propria parte per vincere la partita contro il fenomeno, ancora oggi presente, dell'emarginazione. Significa abbattere ogni genere di barriera per contribuire, attraverso i valori dello sport, alla costruzione di una generazione unita che elimini stereotipi e pregiudizi”. 

- Quando e dove. Special Olympics sarà in campo l’11 marzo a Verona, Spezia, Salerno, Latina, Ferrara, Bari, Cittadella, Vicenza, Novara, Terni, Benevento. Tornerà poi il 18 marzo, a Trapani, Perugia, Ascoli, Vercelli, Pisa, Avellino, Chiavari, Carpi, Brescia, Cesena e Frosinone. 

Un Giorno per la nostra città. Il progetto della Lega B è giunto al quarto anno e prevede che centinaia fra atleti e tesserati delle squadre del campionato della B diventino i protagonisti, nel medesimo giorno, di attività concordate con le Amministrazioni Comunali insieme alla gente del proprio territorio. Il quarto appuntamento stagionale è dedicato alla disabilità con l’obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sui temi dell'inclusione sociale e dell’importanza del volontariato, elevando l'attenzione e il rispetto nei confronti di persone delle quali si vuole valorizzare le diverse capacità. Si svolgerà in due momenti, oltre che sui campi anche con la visita da parte dei club, durante la settimana, nei vari luoghi cittadini legati all’associazionismo e alla diversa abilità.

© Copyright Redattore Sociale