24 ottobre 2018 ore: 12:48
Disabilità

Disabilità, l'altra faccia dell'istituto: lo spot “contro corrente” sulle reti Mediaset

Il video della fondazione Sacra Famiglia mostra la ricchezza della struttura, a fronte del buio e della solitudine della casa, nell'esperienza di una giovane donna in sedia a ruote. “Le residenze per disabili possono essere fonte di tranquillità e occasione concreta di una ripresa di attività, laddove manca il sostegno familiare”
Sacra Famiglia spot 2018
Sacra Famiglia spot 2018

ROMA – Giulia stava male, prima: sola in casa, con la paura, la sofferenza, la disabilità. Poi è entrata in istituto e “non vuole tornare indietro”: il messaggio che “La Sacra Famiglia” trametterà con il suo spot, sulle reti Mediaset, a partire dal 29 ottobre al 3 novembre, va “contro corrente” e forse farà storcere il naso a molti. Dedicato al tema della disabilità in età adulta, il video in poco meno di un minuto ritrae un istituto pieno di luce, di allegria, di relazioni e una casa buia, solitaria, triste. Nella struttura della Sacra Famiglia che la ospita, Giulia è ben vestita e ben curata, bella e serena, impegnata in attività manuali e riabilitative, inserita in un tessuto sociale. “L'attenzione alla fragilità – recita la voce narrante – l'assistenza nei passi più difficili, la qualità dell'accoglienza, il non essere mai soli: tutto questo e molto altro è fondazione Sacra Famiglia”. Giulia com'era “prima” ci viene mostrata nella seconda parte del video: il volto terrorizzato, la stanza buia, la casa vuota. “Giulia non vuole tornare indietro - si legge nel cartello che segue le immagini – Dobbiamo andare avanti, insieme”. 

Il senso del messaggio veicolato dallo spot è così spiegato dal presidente della fondazione, don Marco Bove, forse prevedendo le critiche e le obiezioni a cui il video anddà incontro, nel momento in cui famiglie e istituzioni sono particolarmente impegnate nella costruzione di un “dopo di noi” che sia il più possibile in casa propria. “Siamo andati un po’ contro corrente con il soggetto del nostro spot – dichiara - Tutti, noi compresi, siamo fautori di servizi che mirano a tenere le persone fragili, soprattutto gli anziani, il più a lungo possibile nelle loro case, circondate dai familiari e dai ricordi più cari. Siamo, però, consapevoli che a certe condizioni questo non sia possibile. Accade che disabili adulti si trovino a non avere il supporto di una famiglia vicina, per svariati motivi, e questo li obbliga a vivere soli. E’ esperienza comune, allora, la difficoltà di far fronte alle esigenze quotidiane, la solitudine, la paura che quest’ultima porta con sé, di non essere aiutati in un momento di crisi, di non avere qualcuno da chiamare di notte… Per questo le residenze per disabili possono essere fonte di tranquillità e occasione concreta di una ripresa di attività, dalla fisioterapia ad attività artistiche o sportive, che prima si erano abbandonate. Il nostro obiettivo è quello di garantire la migliore qualità di vita possibile a ciascuno”. 

Per il regista, Iacopo Carapelli, “aver conosciuto Sacra Famiglia e le persone che ne fanno parte è stata una vera scoperta, man mano che studiavo gli ospiti, il personale e i servizi che le strutture offrono, mi sono reso conto che la vera forza di Sacra Famiglia è riuscire ad esserci. Non stiamo parlando semplicemente di ovviare alla solitudine – aggiunge - bensì di sostenere gli ospiti e le loro famiglie in situazioni particolarmente difficili, che non sempre hanno una soluzione. Raccontare tutto questo in pochi secondi sembrava impossibile. Allora ho deciso di immaginare cosa potesse succedere se non ci fosse Sacra Famiglia, e da qui è nato il nostro riverse film. Devo ammettere di essere un ragazzo fortunato, e se oggi ne sono convinto, lo devo anche a questa esperienza”.

Lo spot è stato girato in un’unica giornata, sotto la guida del regista Iacopo Carapelli di Filmmaster Productions. Al centro del video c’è l’attrice Laura Anzani che ha interpretato una persona disabile; gli altri protagonisti, sono operatori ed ospiti di Fondazione Sacra Famiglia. (cl)

box

© Copyright Redattore Sociale