8 novembre 2001 ore: 11:59
Non profit

Studenti a scuola di convivenza. Al Lingotto un ''Laboratorio'' per imparare a comprendere l'altro

TORINO - All'interno di Ability, Salone nazionale di aziende, progetti e associazioni al servizio del sociale, troverà spazio il 17 novembre prossimo "Il Laboratorio della Convivenza". Un’iniziativa promossa da Univol-CSV, il Centro di Servizi per il Volontariato che opera nelle province di Alessandria, Asti, Torino e Cuneo, che vede impegnati trenta ragazzi di alcune scuole superiori di Torino e provincia. Insieme ad alcuni esperti rifletteranno sulla possibilità di costruire percorsi di convivenza pacifica e comprensione tra culture diverse.
L'iniziativa, patrocinata dall'Assessorato alla cultura della Provincia di Torino, segue un progetto che l’organizzazione ha attivato già da quattro anni, "A Scuola di Solidarietà", che mette proprio a confronto mondo della scuola e dell’associazionismo per favorire una formazione sui temi della multiculturalità.
Il Laboratorio della Convivenza, a partire dalle ore 9,30, vedrà come protagonisti gli studenti del Liceo Scientifico "Galilei" di Ciriè, dell' I.T.I.S. "Maxwell" di Nichelino, del Liceo Scientifico Tecnologico "Levi" di Torino e dell'I.I.S. "Giolitti" di Torino. Ad aiutare i ragazzi in questo percorso Souad Benkdim, consulente socio-culturale del Ministero di Grazia e Giustizia ed esperta in cultura araba, Claudio Canal, esperto nei problemi internazionali e ricercatore in campo interculturale, Francesco Cefaloni, Presidente del Comitato dei diritti umani e ricercatore dell'IRES (Istituto Ricerche Economiche e sociali), Vichy Fransenetti dell’Associazione Amicizia Ebraico Cristiana, Suor Giuliana Galli, coordinatrice del Volontariato Cottolenghino ed Enrico Peiretti delCentro Studi Sereno Regis.
© Copyright Redattore Sociale

in calendario