1 luglio 2022 ore: 18:02
Ambiente

Economia circolare, Rete Onu: "Condannato a morte il settore del riuso"

Gli operatori dell'usato commentano la Strategia nazionale sull'economia circolare e il Programma nazionale per la gestione dei rifiuti pubblicati dal Mite: critiche alla configurazione del sistema e al ruolo ricoperto da industrie ed enti locali
ROMA - “La Strategia nazionale per l’economia circolare e il Programma nazionale per la gestione dei rifiuti (Pngr) - pubblicati negli scorsi giorni dal Ministero della Transizione Ecologica (MITE) con due distinti decreti - pone il settore del riutilizzo in una situazione complessa: la diagnosi della situazione attuale infatti è errata soprattutto quando parla della nostra non idoneità ad raccogliere le nuove sfide del riutilizzo”. È con queste parole che Alessandro Stillo, presidente di Rete ONU (operatori dell'usato) commenta l'importante documento che dovrà regolare il settore dell'economia circolare italiana. 
 
Nella disamina del comparto effettuata dal ministero emerge infatti una configurazione del settore non corrispondente alla realtà, che viene invece definita tutta appartenente al non profit: “Nel settore dell'economia circolare -  spiega Stillo - su 80 mila impiegati, abbiamo non meno di 50 mila ambulanti  e 15 mila impiegati dalle microimprese profit del conto terzi e altre migliaia di lavoratori e imprenditori attivi in altri esercizi non riconducibili al no profit. Pensare che invece il settore sia spontaneo e non organizzato e quindi da sottoporre al diretto controllo dei Comuni è sbagliato e fuorviante”. 
 
Le attività e le potenzialità dell'attività, non colte, rischiano di gettare le basi di una politica che non tiene minimamente in conto quello che accade realmente in Italia. “Siamo un universo – conclude Stillo - caratterizzato da diversi gradi di strutturazione, che oggi è in grado di reimmettere in circolazione più di 500 mila tonnellate di beni e, data l’esperienza del settore degli indumenti usati, anche di organizzare filiere internazionali che consentano di arrivare al massimo potenziale di recupero”. 
 
Un altro tema molto delicato viene trattato per Rete ONU in maniera non adeguata: quello dei beni di maggior valore nel settore del riuso, ovvero la “crema”, la qualità di maggior valore nel flusso dei beni riusabili. Alessandro Giuliani, portavoce delle rete degli operatori dell'usato lo spiega così: “I beni di maggior interesse economico con queste indicazioni ministeriali rischiano di essere dispersi tra due gestori, i produttori e i Comuni. Ai primi infatti si propone di lavorare al recupero dei beni in buono stato direttamente nei negozi, ai secondi di scremare nei centri del riuso. La frazione economica maggiormente valorizzabile e che oggi garantisce la sostenibilità del nostro settore, divisa in questo modo, non ha massa sufficiente e gli stock non sono più commercializzabili. Per chi, come noi, distribuisce i beni usati, questo - conclude Giuliani - sarebbe un colpo mortale”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news