25 settembre 2020 ore: 17:17
Economia

Economia civile, 100 tra imprenditori e politici firmano la carta di Firenze

Tra i nomi più noti Santo Versace, Alessandro Profumo, Enrico Giovannini, Giuliano Amato. La carta è stata presentata al festival dell’economia civile

FIRENZE - Santo Versace, Alessandro Profumo, Enrico Giovannini, Giuliano Amato. Sono alcuni dei primi cento nomi che hanno firmato la Carta di Firenze per l’economia civile, presentata venerdì mattina al festival dell’economia civile in Palazzo Vecchio. 
Sono otto i punti della Carta di Firenze: sostenere il valore del lavoro e delle persone; credere nella biodiversità delle forme d’impresa; promuovere la diversità e e l’inclusione sociale; valorizzare l’impresa come luogo di creatività e di benessere; investire nell’educazione e nella promozione umana; proporre una nuova idea di salute e di benessere; coltivare il rispetto e la cura dell’ambiente; attivare energie giovani, innovazione e nuove economie.
Il saluto iniziale è stato del sindaco di Firenze Dario Nardella, che ha ringraziato il presidente Mattarella: “Nessuno come lei ha saputo prendere per mano le nostre città e i nostri paesi in un momento cosi difficile ricordando quanto noi italiani teniamo alla libertà ma anche alla serietà”.

© Copyright Redattore Sociale