15 settembre 2022 ore: 12:28
Salute

Elezioni, Mettiamoci in gioco ai candidati: “Impegnatevi con noi contro i rischi dell’azzardo”

La Campagna “Mettiamoci in gioco” propone quattro punti per ridurre le gravi conseguenze sociali ed economiche prodotte: legge di riordino del settore, possibilità per regioni ed enti locali di intervenire sui territori, pubblicazione periodica dei dati e attenzione alle dipendenze nella ridefinizione del sistema sanitario e sociosanitario
Gioco d'azzardo, gambling, sala gioco, slot

ROMA - La Campagna Mettiamoci in gioco chiede ai candidati alle elezioni politiche di sottoscrivere quattro punti contro i rischi del gioco d’azzardo. I promotori della Campagna sottolineano che “la difficile situazione economica e sociale in cui versa il paese rende ancora più urgente la regolamentazione di un settore che produce numerose e gravi conseguenze per la vita delle persone e della collettività, favorendo l’impoverimento e l’indebitamento di singoli e famiglie e risultando tra gli ambiti più redditizi per le mafie”.

Proprio per ridurre tali rischi, “Mettiamoci in gioco” chiede ai candidati di sottoscrivere un impegno per centrare 4 obiettivi. Vediamoli.
In primis, “l’approvazione di una legge di riordino complessivo del settore del gioco d’azzardo, con particolare attenzione per il gioco online, in forte crescita dall’inizio della pandemia. Una normativa che va definita, di concerto, da ministero della Salute, ministero del Lavoro e delle politiche sociali e ministero dell'Economia, e che preveda la riduzione dell’offerta del gioco d’azzardo”.

Inoltre, si chiede l’impegno dei candidati per “la salvaguardia della possibilità, per Regioni ed Enti locali, di intervenire con normative e regolamenti sull’offerta del gioco nel proprio territorio”. E “l’obbligo dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli a fornire pubblicamente e periodicamente i dati sul settore, necessari sia per intervenire sull'offerta sia per valutare l'efficacia dei provvedimenti promossi dagli Enti locali. A questi ultimi l’Agenzia dovrebbe fornire sempre, e tempestivamente, i dati richiesti”.

Infine, si chiede “attenzione al tema delle dipendenze e, nello specifico, della dipendenza dal gioco d’azzardo nella ridefinizione del sistema sanitario e sociosanitario, in un’ottica di medicina di prossimità e di assistenza territoriale, come previsto nel Pnrr”.

“Mettiamoci in gioco” ritiene che “la difesa della salute individuale e pubblica debba orientare una nuova politica in materia di gioco d’azzardo, che tuteli il diritto al benessere delle persone e, nel contempo, l'occupazione. Un obiettivo che può essere certamente raggiunto, al contrario di quanto dichiarato strumentalmente da parte di chi, solo per interessi economici, si oppone a ogni riforma del settore”.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news