2 marzo 2018 ore: 17:26
Non profit

Elezioni, Sos Villaggi dei Bambini presenta le priorità sui diritti dell’infanzia

Una delegazione di ragazzi, con il sostegno di SOS Villaggi dei Bambini, ha incontrato i leader politici del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle per presentare loro delle proposte concrete sui temi dell’infanzia e dell’adolescenza che dovrebbero essere al centro dell’agenda politica.

ROMA – Oltre 600 persone, di cui un centinaio di under 30, hanno preso parte all’iniziativa “Diritti e bambini: la tua opinione conta”, ideata da Sos Villaggi dei Bambini, che chiedeva ai cittadini e in particolar modo ai giovani di votare tra cinque proposte concrete che dovrebbero essere al centro dei programmi elettorali per quanto riguarda i temi dell’infanzia e dell’adolescenza per la prossima legislatura. Fondamentale per la buona riuscita dell’iniziativa è stata la collaborazione de La Stampa che ha assicurato ampia visibilità al tema dei diritti dell’infanzia mettendo in campo giornalisti sensibili al tema come Federico Taddia e il contributo delle giornaliste Lidia Catalano e Noemi Penna.

Le proposte più votate sono state presentate ai leader politici del Partito Democratico Matteo Renzi e del Movimento 5 Stelle Luigi di Maio che, incontrando alcuni dei ragazzi che hanno partecipato al sondaggio, hanno ascoltato con attenzione le proposte più votate per decretare i temi più urgenti da inserire nell’agenda politica. Nessun riscontro all’iniziativa è stato invece fornito dal centrodestra.

“Le tematiche più urgenti rilevate dal sondaggio -scrive Sos Villaggi- sono state quelle sull’istituzione Dipartimento unico per l’infanzia e l’adolescenza, sull’inserimento di una normativa sul diritto alla Partecipazione dei minorenni e sulla definizione di accordi di cooperazione internazionale per tutelare i minorenni in situazioni di conflitto, promuovendo una normativa europea sull’affido internazionale. Altre due proposte, tra le quali scegliere, chiedevano una legge che definisca i Livelli Essenziali delle Prestazioni Sociali garantendo gli stessi diritti in tutto il Paese e la creazione di un fondo di accompagnamento tutti i ragazzi neomaggiorenni in uscita dai percorsi di accoglienza che possa sostenerli fino a 21 anni”. 

Diverse le priorità espresse dai due leader politici. “Per Luigi Di Maio la necessità più urgente è l’istituzione di un ministero con competenze accentrate, per risolvere i problemi legati all’infanzia e tutelare i diritti di bambini e bambine. Secondo il segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, invece, per tutelare i giovani servono nuove forme di Governance, a partire dai Dipartimenti e dalle agenzie che già stanno lavorando a tutela dei giovani, e l’istituzione di una versione “junior” del Foia, il Freedom of Information Act. Questo permetterebbe di offrire ai giovani una corsia preferenziale e una relazione più forte con la pubblica amministrazione”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news