24 luglio 2015 ore: 13:05
Immigrazione

Ennesimo naufragio. "Altre morti evitabili, l'Europa spezzi il giogo dei trafficanti"

Il presidente del Centro Astalli padre Camillo Ripamonti: “I rifugiati non sono un’emergenza. Sono il frutto prevedibile di guerre e crisi umanitarie. L’Ue si impegni a lavorare sulle cause che generano le migrazioni forzate e garantisca standard di sicurezza adeguati”
Sbarco di migranti a Palermo - 31 luglio 2014

Sbarco di migranti a Palermo - 31 luglio 2014

ROMA - Circa 40 migranti sarebbero annegati in seguito al naufragio di un gommone ieri mattina davanti alle coste libiche. Lo hanno riferito alcuni dei sopravvissuti sbarcati nel pomeriggio ad Augusta dalla nave militare tedesca Holstein, che ha soccorso complessivamente 283 profughi.

Per il Centro Astalli, si tratta dell’”ennesima tragedia annunciata ed evitabile”. Soltanto due giorni dopo l’ultimo Consiglio Europeo sull’Agenda per le migrazioni, davanti alla morte di 40 innocenti in fuga da guerre e persecuzioni, il Centro Astalli torna a ribadire “l’urgenza di creare canali umanitari sicuri. Vie legali per permettere a chi scappa da guerre e persecuzioni di esercitare il proprio diritto a chiedere asilo in un paese sicuro”.

“L’Europa da mesi discute su come gestire poche decine di migliaia di persone, un numero irrisorio rispetto alla popolazione dell’Unione e non si concentra sulla questione principale: spezzare il giogo dei trafficanti, dare alternative sicure ai migranti”.

E padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, così commenta: “I rifugiati non sono un’emergenza. Sono il frutto prevedibile di guerre e crisi umanitari che da anni affliggono molte regioni del mondo. L’Unione Europea si impegni a lavorare sulle cause che generano le migrazioni forzate e garantisca standard di sicurezza adeguati a chi è costretto a chiedere asilo per salvarsi la vita”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news