11 giugno 2021 ore: 17:10
Giustizia

Ergastolo ostativo, il Comitato dei ministri del Consiglio Ue ribadisce la posizione della Consulta

Il Comitato dei Ministri ha ribadito che sono necessarie misure legislative che diano ai tribunali la possibilità di rivedere la condanna all’ergastolo alla luce di una valutazione globale del percorso di risocializzazione, anche in assenza di collaborazione con la giustizia. Antigone: “L'ergastolo senza speranza è in contrasto con i principi costituzionali e convenzionali"
Carcere, celle - SITO NUOVO

ROMA - Durante la riunione del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, avvenuta fra il 7 e il 9 giugno 2021, si è discusso di ergastolo ostativo a partire dal caso Viola (Marcello Viola è in carcere dal 1992 con una prima condanna per omicidio con aggravante mafiosa e una seconda in seguito al “processo Taurus”) per il quale l'Italia era stata già condannata. Il Comitato dei Ministri è incaricato di supervisionare l’esecuzione delle sentenze della Corte Edu. Dunque dopo la recente sentenza della Corte Costituzionale, il Consiglio d'Europa torna sul tema.

“Il Comitato dei Ministri ha ribadito che sono necessarie misure legislative che diano ai tribunali la possibilità di rivedere la condanna all’ergastolo alla luce di una valutazione globale del percorso di risocializzazione anche in assenza di collaborazione con la giustizia – afferma Antigone -. Il Comitato dei Ministri ha commentato con soddisfazione la decisione della Corte Costituzionale italiana che ha sollecitato il legislatore a superare l’attuale automatismo ostativo che subordina l’accesso alla liberazione condizionale alla mera collaborazione con l’autorità giudiziaria. Ha inoltre sottolineato che l’Italia deve urgentemente porre fine alla violazione del diritto del ricorrente (Viola), la cui richiesta di accesso alla liberazione condizionale non può ancora essere esaminata da un tribunale in assenza di collaborazione con la giustizia, e ha invitato le autorità italiane ad adottare senza ulteriori ritardi le misure legislative necessarie a garantire che non si verifichino ulteriori violazioni dell’articolo 3 della Cedu”.

Ovviamente, come ribadito dal Comitato dei Ministri, la possibilità per il detenuto di chiedere la liberazione condizionale non necessariamente comporta l'accoglimento della stessa e la sua scarcerazione qualora l’autorità giudiziaria ritenga che il detenuto non abbia adeguatamente partecipato all'opera di rieducazione.
"Riteniamo importante quanto sottolineato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa e ci auguriamo che il Parlamento si impegni, entro l'anno previsto dalla Corte costituzionale, nell'approvare una legge che tenga conto della giurisprudenza italiana ed europea. L'ergastolo senza speranza è in contrasto con i principi costituzionali e convenzionali", ha sottolineato Patrizio Gonnella, presidente di Antigone.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news