9 ottobre 2019 ore: 14:28
Giustizia

Ergastolo ostativo. “Via la parola ‘mai’, ma bisogna lavorare di più sulla persona”

Don Ettore Cannavera difende l’abolizione dell’ergastolo ostativo da parte della Corte europea dei diritti dell'uono ma richiama l’attenzione sulla necessità di lavorare sugli adulti come si fa per i minori: ricercando le cause dei comportamenti criminosi
Per poter accedere a questo contenuto devi avere un abbonamento attivo a Redattore sociale