19 gennaio 2017 ore: 15:21
Società

Terremoto, Gentiloni: "Lo Stato c'è, accanto all'Italia martoriata"

Il premier a Rieti per il vertice della Protezione Civile: "Questo pezzo d’Italia deve sentire che lo Stato è presente, che moltiplica gli sforzi e deve sentire anche la solidarietà di tutti i cittadini". E ancora: "La politica mostri sobrietà e rispetti il dolore"
www.governo.it Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni. Foto: www.governo.it

Roma - "C’e’ un pezzo di Italia centrale che ha subito disagi incredibili per alcuni mesi e che negli ultimi due giorni e’ stata addirittura martoriata. Questo pezzo d’Italia deve sentire che lo stato e’ presente, che moltiplica gli sforzi e deve sentire anche la solidarieta’ di tutti i cittadini". Cosi’ il premier Paolo Gentiloni a Rieti, al termine del vertice della Protezione Civile. 

"Chiedo alla politica di mostrare sobrieta’, rispettando l’impegno delle forze civili e militari che stanno lavorando e il dolore delle famiglie che hanno subito delle perdite" - aggiunge il Premie. - Chiedo a tutti i cittadini italiani di stringersi nella solidarieta’ nei confronti di queste popolazioni". 

"Chiedo a tutte le strutture dello Stato di moltiplicare il loro impegno. La dimostrazione di queste ore e’ la dimostrazione che queste strutture ci sono, sono presenti, sono impegnate. Chiedo se possibile di moltiplicare ancora di piu’ gli sforzi", conclude Gentiloni. (Dire) 

© Copyright Redattore Sociale