22 luglio 2002 ore: 12:27
Disabilità

Esultano i docenti di sostegno: abilitazione per chi ha insegnato per almeno 180 giorni

ROMA - La Camera dei Deputati ha approvato, il 17 luglio scorso, una Risoluzione Unitaria che, sostanzialmente, impegna il Governo a consentire a molti docenti specializzati ma non abilitati, di ogni ordine e grado, di conseguire la loro abilitazione nella classe di concorso/posto d'insegnamento cui si è prestato servizio d'insegnamento per almeno 180 giorni. La notizia è stata accolta con esultanza dai docenti che sottolineano il risultato raggiunto “dopo mesi e mesi di dura "lotta" e generale mobilitazione finalizzata all'equo riconoscimento dei diritti di insegnanti specializzati per il sostegno”.Tale risoluzione mira ad evitare che tali docenti non vengano ad essere letteralmente “scavalcati” negli elenchi per il sostegno annessi alle graduatorie permanenti provinciali, oltre che negli elenchi per il sostegno annessi alle graduatorie di circolo e d'istituto, da altri colleghi che, fortuna loro, già beneficiano di tale possibilità di inserimento agevolato o che a breve beneficeranno di tali possibilità di inserimento.
Gli alunni portatori di handicap per poter ottenere una reale integrazione scolastica infatti necessitano di insegnanti di sostegno specializzati e numerosi insegnanti di sostegno hanno conseguito il relativo titolo di specializzazione frequentando i corsi biennali attivati dalle Università come previsto dal Decreto interministeriale n. 460/98, ma non essendo in possesso dell'abilitazione all'insegnamento, non hanno potuto accedere alle graduatorie permanenti. A causa della forte richiesta di personale specializzato questi docenti hanno comunque, negli anni scorsi, ottenuto incarichi annuali. Ora questa possibilità sarebbe potuta venir meno nel prossimo anno scolastico a causa dell'inserimento nelle graduatorie permanenti (previste dal decreto direttoriale del 12 febbraio 2002) di un numero elevato di docenti abilitati presso le scuole di specializzazione per l'insegnamento secondario (SSIS) i quali, avendo seguito, nel loro percorso formativo, le previste 400 ore aggiuntive attinenti l'integrazione scolastica degli alunni in situazione di handicap hanno titolo a svolgere l'insegnamento sui posti di sostegno
© Copyright Redattore Sociale