4 settembre 2021 ore: 15:44
Non profit

Festival di Venezia, un evento speciale racconta le storie di "emarginazione e resurrezione" nelle periferie della Capitale

Proiezione speciale del video realizzato da Ralph Palka e Cinzia TH. Torrini sull’esperienza di Medicina solidale e Fonte d’Ismaele. Le due associazioni a Roma da oltre 18 anni sono al fianco di chi vive ai margini e soprattutto dei più piccoli e fragili
Teatro poltrone, cinema, cultura, spettacolo

VENEZIA  - L’esperienza delle associazioni Medicina Solidale e Fonte d’Ismaele sarà protagonista di un evento speciale durante il 78° Festival del Cinema di Venezia. Infatti, domani in occasione della consegna del Premio Kinéo, evento speciale collaterale della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, verrà riservato uno spazio per raccontare la straordinaria esperienza delle associazioni Medicina Solidale e Fonte D’Ismaele al fianco dell’infanzia fragile, che sopravvive nella Capitale d’Italia.

In un breve documentario -  che verrà proiettato domani domenica 5 settembre 2021 alle ore 21 in occasione della cena a Cà Sagredo Palazzo dei Dogi Morosini a Venezia – verrà presentata la storia e le attività delle due associazioni che a Roma da oltre 18 anni sono al fianco di chi vive ai margini e soprattutto dei più piccoli e fragili. Il video è stato realizzato con la regia di Ralph Palka e Cinzia TH. Torrini.

In occasione della serata verrà anche distribuita ai partecipanti una particolare spilla realizzata da Monica Ungarelli con la supervisione di Anna Paola Di Risio, founder di reEnchanting souvenir urbani. Testimonial delle due associazioni sono le attrici Francesca Valtorta, Bianca Nappi e Margaherita Tiesi.

"Il bambino - sottolinea Paolo Pelino, presidente di Medicina Solidale - deve essere riconosciuto come persona, ascoltato e tutelato sempre in ogni stadio del suo sviluppo soprattutto se nato in un ambito sociale degradato. Medicina Solidale ha questo obiettivo da 18 anni e ogni giorno con i suoi volontari e le tante persone che ci sostengono cerca di non fare sentire solo nessun bambino della nostra città, Roma".

“Dall’esperienza di medicina solidale è nata Fonte di Ismaele APSspiega  Lucia Ercoli, coordinatrice di Medicina Solidale e presidente di Fonte d’Ismaele che sarà presente alla cena – un’associazione di promozione sociale, per tutelare i diritti delle persone di minore età. Libertà, formazione, salute e istruzione sono diritti ancora non garantiti in Italia per l'infanzia e l'adolescenza. Fonte di Ismaele sarà a fianco di ogni bambino perché l'età non sia più un elemento discriminatorio dei diritti inviolabili dell'infanzia. Ogni bambino è un cittadino, anche se in formazione. Ascoltare la voce dei più piccoli per farla risuonare in tutte le sedi istituzionali sarà il nostro principale impegno”.


© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario