28 novembre 2018 ore: 15:47
Immigrazione

Firenze, i migranti guide turistiche per stranieri nei musei

E’ il progetto Amir, grazie al quale i profughi ospiti nei Cas e negli Sprar guideranno i turisti nei musei fiorentini alla scoperta delle bellezze della città
Firenze, Palazzo Vecchio (interno)

FIRENZE – I migranti diventano guide turistiche per i gruppi di stranieri che arrivano a Firenze. E’ il progetto Amir (Accoglienza Musei Inclusione Relazione), grazie al quale i profughi ospiti nei Cas e negli Sprar guideranno i turisti nei musei fiorentini alla scoperta delle bellezze della città. Tanti i musei che rientrano nel programma: da Palazzo Vecchio al Museo Novecento, dal Bigallo alla Cappella Brancacci, dal Forte Belvedere ai Musei della Città di Fiesole, dal Museo degli Innocenti al Museo dell’Opera del Duomo.

La prima tappa del progetto è consistita in due giornate di formazione rivolte agli operatori museali di tutta la Toscana, nelle quali sono state approfondite, grazie al contributo di esperti, le tematiche storico-artistiche potenzialmente correlate alla storia e all’identità degli immigrati. Il secondo passo è stato quello di proporre a diversi gruppi di stranieri (Cas, centri Sprar, scuole di italiano, centri accoglienza, strutture residenziali, famiglie e singoli cittadini) visite e attività nei musei aderenti al progetto, concepite come reciproche occasioni di conoscenza e di scambio e in via di svolgimento in questi mesi autunnali.

L’ultima fase, tutt’ora in svolgimento, è quella grazie alla quale una trentina di immigrati sta partecipando a un corso di formazione che consente loro di acquisire le competenze per accompagnare a propria volta gruppi di stranieri in visita ai musei. Il corso – partito lo scorso 12 novembre - prevede una parte generale (storia, storia dell’arte, italiano, comunicazione interpersonale) e una parte specifica sul singolo museo.  Al termine del corso, i trenta partecipanti diventeranno a tutti gli effetti guide e mediatori museali, raccontando e interpretando in tutte le lingue il patrimonio artistico fiorentino. Le visite partiranno a dicembre e andranno avanti fino a primavera. Il progetto è promosso da Comune di Fiesole, Comune di Firenze - MUS.E, Istituto degli Innocenti, Fondazione Primo Conti e Stazione Utopia e supportato da Regione e Fondazione CR Firenze.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news