20 maggio 2020 ore: 16:08
Welfare

Firenze, nell’industria dismessa 50 mini appartamenti a canone calmierato

Lo ha deciso la giunta, approvando nella seduta di ieri la delibera dell’assessore alla Casa Andrea Vannucci sulla vivibilità intelligente (Smart liveability), comprensiva del progetto di fattibilità tecnica ed economica, nell’ex complesso del Meccanotessile

FIRENZE - Cinquanta mini appartamenti a canone calmierato destinati a giovani coppie, singole persone e nuclei familiari di piccole dimensioni (composti da 2-3 persone) con spazi comuni dedicati a servizi come lavanderia, magazzini, portineria e un’area verde per favorire la socializzazione. Lo ha deciso la giunta, approvando nella seduta di ieri la delibera dell’assessore alla Casa Andrea Vannucci sulla vivibilità intelligente (Smart liveability), comprensiva del progetto di fattibilità tecnica ed economica, nell’ex complesso del Meccanotessile, che si trova in un’area di proprietà comunale di circa 27.500 metri quadrati, che nei piani dell’amministrazione continuerà ad avere spazi e funzioni pubbliche anche a servizio del quartiere. 

Nell’area industriale dismessa dove un tempo lavoravano gli operai delle Officine Galileo troveranno infatti sede l’Indire (l’Istituto nazionale di formazione e ricerca del Miur) e l’Isia (l’Istituto superiore di istruzione artistica), mentre sono già stati realizzati un parcheggio pubblico a servizio dei residenti della zona di Dalmazia (con 75 posti auto, di cui 4 per disabili, e alcuni posti per gli scooter) e il giardino pubblico tra via Cocchi e via Santelli.

“L’ex Meccanotessile sta vivendo una nuova vita - ha detto l’assessore Vannucci - e con l’approvazione del progetto per realizzarci 50 mini appartamenti mettiamo un ulteriore tassello per il recupero complessivo dell’area”. “L’intero complesso è stato ed è oggetto di importanti interventi che lo stanno restituendo alla fruizione del quartiere e della città - ha continuato l’assessore - con spazi di socialità e funzioni pubbliche che si uniscono alla residenza ad affitto calmierato per singole persone, giovani coppie e famiglie poco numerose”. “Questi mini appartamenti sono un’ulteriore e concreta risposta al bisogno di casa dei fiorentini - ha spiegato Vannucci - e vanno ad aggiungersi ai 18 alloggi, anch’essi di piccole dimensioni, che saranno realizzati nell’ex ospedale pediatrico Meyer, per i quali abbiamo approvato il progetto in giunta la scorsa settimana”. “Il nostro impegno per far fronte all’emergenza abitativa è massimo - ha concluso l’assessore - e siamo al lavoro con vari progetti per aiutare i cittadini che hanno bisogno di una casa e non possono accedere al mercato privato”.

"Il Meccanotessile prende ormai sempre più forma - ha detto il presidente del Quartiere 5 Cristiano Balli - con un giusto mix di funzioni: ovvero le funzioni di socialità a livello di quartiere con attenzione agli under 25, le funzioni pubbliche Isia e Indire e questo intervento che fa parte del Piano casa del Comune rivolto alle nuove famiglie. Questo progetto pone l'attenzione sul bisogno di casa che si avverte nel quartiere e come l'intervento realizzato in via dell'Osteria dà una risposta complessiva alla cosiddetta fascia 'grigia'. Insieme ai residenti, proseguiremo il processo per accompagnare l'armonizzazione delle varie funzioni dell'area".

La realizzazione dei 50 mini appartamenti sarà finanziata con fondi Pon Metro per un valore di 3.109.238 euro e con fondi del ‘Patto per Firenze’ per un importo di 1.700.000 euro per un totale di 4.809.238 euro. L’inizio dei lavori è previsto nel corso 2021 e servirà un anno per la conclusione.

Gli appartamenti, che vanno da un minimo di 35 metri quadrati a un massimo di 50, saranno ad alta efficienza energetica e non avranno barriere architettoniche. Nasceranno nella parte di complesso tra via Maestri del Lavoro e via Alderotti. 

 

© Copyright Redattore Sociale