23 luglio 2014 ore: 15:44
Non profit

Gaza, in arrivo ventimila euro di medicinali dalle ong

Grazie alle donazioni arrivate dall’Italia sono stati ordinati 12mila euro di farmaci e ottomila di prodotti monouso, che giungeranno tra oggi e domani all’ospedale Shifa di Gaza city. “Situazione drammatica”. Si alza il bilancio delle vittime: 630 morti e 4mila feriti
Wissam Nassar/www.gvc-italia.org Gaza - Carrozzina su macerie

Foto di Wissam Nassar/www.gvc-italia.org

ROMA – Arriveranno tra oggi e domani all’ospedale Shifa di Gaza City i primi  medicinali acquistati grazie alla raccolta fondi congiunta di tutte le ong italiane presenti in Palestina. A darne notizia è il Vis (volontariato internazionale per lo sviluppo) in una nota.

“Grazie alle donazioni arrivate dall’Italia abbiamo potuto ordinare 20.000 euro di medicinali e prodotti monouso.  La situazione sanitaria a Gaza è drammatica e per assistere la popolazione abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Ringraziamo quindi tutti cittadini italiani che hanno risposto al nostro appello, dimostrando la loro generosità e vicinanza alle vittime di questo nuovo conflitto” - dichiarano i cooperanti sul campo. Dal 14 luglio, giorno di lancio dell’appello per i farmaci, le ong italiane stanno operando in coordinamento con l’Emergency room del ministero della Salute palestinese, la Croce Rossa internazionale e Mezzaluna Rossa, l’Organizzazione mondiale della sanità e il Palestinian medical relief Society -PMRS.

Le industrie farmaceutiche con cui sono stati fatti contratti di servizio sono: Birzeit Pharmaceutical Co. che consegnerà nella giornata di oggi, Al-Salam Drug Store Co. e Nobel Medical Supplies che consegneranno domani 24 luglio.  La fornitura di 20 mila euro sarà cosi distribuita: 12 mila euro sono farmaci e 8mila euro sono prodotti monouso come aghi, siringhe, guanti.

Intanto nella Striscia si aggrava il bilancio delle vittime: secondo i dati forniti oggi dal Ministero della Salute palestinese sono 630 i morti e oltre 4mila feriti a Gaza. “E’ una situazione drammatica e terribile – sottolineano i promotori -. Invitiamo tutti a partecipare alla raccolta fondi per l’acquisto di medicinali. Per motivi logistici, pur essendo un appello di tutte le ong operanti in Palestina, il conto di raccolta fondi è quello di Terre des Hommes”. 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario