17 novembre 2023 ore: 11:01
Giustizia

Giornata contro gli abusi sessuali sui minori, “necessario un maggiore impegno contro lo stigma”

In vista della Giornata europea sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali (18 novembre), il Segretario generale Marija Pejčinović Burić ha invitato gli Stati membri del Consiglio d'Europa a intensificare il loro impegno con le vittime e i sopravvissuti di violenza sessuale infantile, per contribuire a eliminare i tabù relativi alla denuncia di violenza sessuale e per proteggere meglio i bambini
Abusi su minori, pedofilia, bambino con mani su faccia - SITO NUOVO

STRASBURGO – In vista della Giornata europea sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali (18 novembre), il Segretario generale Marija Pejčinović Burić ha invitato gli Stati membri del Consiglio d'Europa a intensificare il loro impegno con le vittime e i sopravvissuti di violenza sessuale infantile, per contribuire a eliminare i tabù relativi alla denuncia di violenza sessuale e per proteggere meglio i bambini.

La Giornata Europea è stata istituita dal Consiglio d'Europa nel 2015. Nel 2022, nell'ambito di un impegno globale di sensibilizzazione e advocacy, le Nazioni Unite hanno inoltre istituito il 18 novembre come Giornata mondiale per la prevenzione e la guarigione delle malattie sessuali infantili, sfruttamento, abuso e violenza.

“È fondamentale unire le forze a livello globale per garantire la protezione dei bambini contro la violenza sessuale in tutto il mondo. Sono orgogliosa che la nostra giornata sia diventata universale e felice di annunciare che la nostra Organizzazione ha aderito alla WeProtect Global Alliance, una coalizione di governi, organizzazioni della società civile, aziende e organizzazioni internazionali impegnate a combattere lo sfruttamento e gli abusi sessuali sui minori”, ha evidenziato Marija Pejčinović Burić. .

La Convenzione sulla protezione dei bambini contro lo sfruttamento e gli abusi sessuali, nota anche come Convenzione di Lanzarote, è ampiamente riconosciuta come lo standard di riferimento a livello mondiale per combattere questi crimini atroci.
“Lo sfruttamento o l’abuso sessuale dei minori non è mai colpa del bambino, ma nella maggior parte dei casi il sentimento di vergogna e lo stigma impediscono ai bambini di rivelare il loro trauma prima dell’età adulta. Ciò li lascia senza protezione e i responsabili impuniti. Spezzare il circolo vizioso del silenzio, incoraggiare i sopravvissuti a parlare apertamente e imparare da loro è di vitale importanza perché possono apportare importanti spunti al processo decisionale”, ha concluso Marija Pejčinović Burić.
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news