4 ottobre 2016 ore: 14:41
Non profit

Giornata del dono, premiati i "campioni" della cultura del dare

In occasione della giornata nazionale del dono, a Montecitorio sono stati premiati questa mattina i Comuni e le scuole che si sono impegnati attivamente in questo ultimo anno nella cultura del dono. A premiare i vincitori è stato Piero Fassino, presidente Anci
#Donoday2016

- ROMA - Diffondere la cultura del dono partendo dalle scuole e dalle comunità locali. È stato questo l’obiettivo dell’Istituto Italiano Donazione che per due settimane ha coinvolto 50 mila persone in oltre cento eventi in tutta Italia. Un’iniziativa che si è conclusa questa mattina a Montecitorio dove sono stati premiati le scuole e i Comuni che si sono impegnati nel promuovere la solidarietà in tutte le sue forme. 

L’Istituto ha voluto dedicare un contest alle amministrazioni comunali dal titolo “Un dono in comune”, realizzato in collaborazione con l’Anci. L’obiettivo era quello di valorizzare azioni ed iniziative concrete legate al dono: ha vinto Sarezzo (Brescia) nella categoria valorizzazione del volontariato per aver promosso l’adozione di classi elementari e medie da parte delle associazioni. In questo modo gli alunni hanno potuto conoscere in prima persona il mondo del volontariato. I Comuni di Terre d’Argine (Campogalliano, Carpi, Novi di Modena e Soliera in provincia di Modena) sono stati premiati per il miglior evento di sensibilizzazione della cittadinanza sul tema del dono, Lanzo Torinese (Torino) e Pavia rispettivamente sui temi della raccolta di fondi e della raccolta di beni per aver creato una rete per la distribuzione di cibo e di beni di prima necessità a chi è in difficoltà.

A premiere i Comuni è stato il presidente dell’Anci Piero Fassino. “Donare è una scelta che ciascuno di noi fa nella vita molte volte. Si dona per amore, per solidarietà, per condivisione. Ma soprattutto è un atto di riconoscimento degli altri e permette di costruire una relazione con la comunità in cui si vive”, ha detto Fassino.
E ha aggiunto: “Si può donare non solo dei beni ma anche affetto, competenza, tempo e perfino una parte di sé come fanno i donatori di sangue. Sono milioni le persone che lo fanno e i Comuni rappresentano un punto nevralgico fondamentale in questa rete. In cinque anni da sindaco di Torino ho potuto misurare quale apporto di donazioni viene regalato alla comunità dai cittadini. Mi riferisco anche ai nonni che fanno i vigili davanti alle scuole o ai volontari che accolgono migranti e profughi. Un conto è la sfiducia che molti hanno nei confronti della politica e delle istituzioni, altra cosa è l’impegno civico che resta vivo in molte comunità”.

Hanno vinto, invece, il contest video “Donare, molto più di un semplice dare”, realizzato in collaborazione con il Miur il liceo artistico "Bruno Munari" di Vittorio Veneto (Treviso) che si è aggiudicato il premio Giuria Tecnica con il video “Colora la vita - passa parola”; al liceo "Galileo Galilei" di Dolo (Venezia) sono andate le preferenze della Giuria Popolare per il cortometraggio “In social catena”, mentre l'Istituto Comprensivo Statale "Goffredo Parise" di Arzignano (Vicenza) ha vinto il Premio IID con il video “Doniamoci le nostre reciproche differenze”.  Il ministro Stefania Giannini ha mandato un messaggio scritto a tutti i premiati: “Voglio, innanzitutto, complimentarmi con le ragazze e i ragazzi che saranno premiati e con tutti coloro che hanno partecipato, condividendo con un video le proprie esperienze, le proprie visioni. L'alleanza con il mondo della scuola è una scelta precisa nella consapevolezza che proprio a scuola, in classe le nostre ragazze, i nostri ragazzi diventano adulti e maturi e, scoprendo l'altro, acquisiscono umanità, oltre che conoscenze e competenze”.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news