25 gennaio 2019 ore: 14:11
Società

Giorno della memoria, "Invece accade": storie di migranti dalle aule dei tribunali

Il racconto dei migranti dal punto di vista di un giudice chiamato a decidere le domande di protezione internazionale. Luciana Breggia, presidente della sezione Immigrazione del Tribunale di Firenze, ha raccolto alcune delle 'sue' storie...

ROMA - Il racconto dei migranti dal punto di vista di un giudice chiamato a decidere le domande di protezione internazionale. Luciana Breggia, presidente della sezione Immigrazione del Tribunale di Firenze, ha raccolto alcune delle 'sue' storie di ascolto e le 'offre' a tutti in un incontro che si terra' a Firenze il 29 gennaio, per celebrare in questo modo - e non a caso - il 'Giorno della Memoria'. Perche' "il ricordo di cio' che e' stato- si legge nella nota di presentazione dell'inziativa- deve servire a evitare che simili atrocita' si ripetano. È questo il modo migliore per onorare quanti sono morti allora". Ed e' anche questo il modo di rispondere all'appello di Etty Hillesum, vittima ad Auschwitz nel 1943: "Dai campi dovranno irraggiarsi nuovi pensieri, nuove conoscenze dovranno portare chiarezza oltre i recinti di filo spinato… Se tutto questo dolore non allarga i nostri orizzonti e non ci rende piu' umani, allora e' stato inutile", scriveva la scrittrice prima di morire.

Ecco, dalle apparentemente 'fredde' audizioni nei tribunali dei richiedenti asilo si puo' capire se e quanto quel 'dolore' ci ha 'allargato orizzonti' e 'reso piu' umani'.

La risposta e' nel titolo dell'iniziativa: 'Invece accade'. E nello spirito che l'ha realizzata: la convinzione che ascoltare il richiedente asilo fa giungere nelle aule dei Tribunali storie di luoghi lontani, di realta' complesse e di culture diverse, che illuminano la nostra attualita'. E proprio "dall'asciutta narrazione di queste storie, quasi appunti per un diario, emerge una realta' di schiavitu', sfruttamento, il rischio di morte, e nuovi campi dove si praticano sevizie e crudelta'", spiega la nota.

Lo spettacolo si svolge in forma di reading con due lettrici che si alternano nella lettura delle storie. A queste si accompagnano anche immagini e musiche nonche' dati aggiornati per dare informazioni essenziali sui fenomeni di cui si tratta.

L'appuntamento e' martedi' 29 gennaio alle ore 18,15 allo Spazio Teatro Alfieri, in via dell'Ulivo a Firenze. Sono presenti anche alcuni richiedenti asilo e una scolaresca dell'ITT Marco Polo di Firenze. Interviene Sara Funaro, assessora al Welfare e sanita', accoglienza e integrazione, del comune di Firenze.

L'iniziativa e' organizzata con l'associazione l'Altro Diritto Onlus e patrocinata da Comune di Firenze, Regione Toscana, ANM-Toscana, Ordine degli Avvocati di Firenze, Fondazione per la formazione forense, Camera di Commercio di Firenze. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale