22 maggio 2024 ore: 13:01
Giustizia

"Ero, ora sono": i giovani di Nisida lo dicono al Papa

All'udienza una delegazione di sei ragazzi dell'Ipm, accompagnati dalla comandante della polizia penitenziaria, cinque agenti, il vicedirettore, l’educatore e l’aiuto cappellano. Portano il bozzetto del murales realizzato con Maupal, dal titolo “Ero, ora sono”
nisida calcio in carcere

ROMA – I ragazzi di Nisida incontrano papa Francesco e gli consegnano un messaggio: “Ero, ora sono”. Tre parole che racchiudono il senso e lo scopo del carcere, in particolare di quello minorile: lasciare alle spalle il passato, per iniziare un nuovo presente. E' il messaggio contenuto nel murales che i ragazzi dell'Ipm hanno realizzato all'interno del carcere, insieme allo street artist romano Maupal. Il bozzetto dell'opera è stato consegnato oggi al Papa, durante l'incontro in Vaticano. La delegazione era composta da sei ragazzi detenuti, la comandante della polizia penitenziaria e cinque agenti, il vicedirettore, l’educatore e l’aiuto cappellano

Si è concluso così il progetto “Sole in mezzo!”, realizzato da Ripartiamo APS in collaborazione con l’Istituto Penitenziario per Minori di Nisida, Sielte SpA e lo street artist Maupal.

ero ora sono

Il murales realizzato dai ragazzi insieme a Maupal raffigura un giovane di spalle che cammina in direzione del futuro: con la mano sinistra regge lo zaino del passato, che non si può cancellare, e con la mano destra innalza la palla incatenata, simbolo della condizione dei detenuti, dalla quale pende la catena spezzata, riscatto di speranza, nuova vita che si propone all’orizzonte. La palla rappresenta il cambiamento, una metà è nera a ricordare “chi ero” e l’altra metà raffigura i colori del globo terrestre a sottolineare “ora sono”, e viene innalzata come l’Amleto shakespeariano a ricordare che siamo noi i protagonisti della nostra vita e che con le nostre scelte affermiamo la nostra identità. Sulla maglietta del ragazzo il logo di Ripartiamo APS offre lo slancio per guardare con occhi nuovi alle opportunità da cogliere, per ricordare che è sempre il tempo di alzarsi e ripartire.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news