14 settembre 2021 ore: 16:29
Disabilità

I musicisti di Magica Musica si esibiscono nella Rsa

Il concerto nella struttura della Fondazione Benefattori Cremaschi per mostrare vicinanza  alle persone più colpite dalla pandemia. "La forza di ripartire dopo 15 mesi così difficili". Nella musica il "messaggio di amore, d’affetto ed umanità" dei ragazzi con disabilità
Fonte: Orchestra Magica Musica orchestra magica musica

MILANO – I musicisti con disabilità dell’orchestra Magica  Musica, diretti dal maestro Piero Lombardi, hanno raggiunto gli ospiti della Rsa Camillo Lucchi di via Zurla, presidio della Fondazione Benefattori Cremaschi. “Lo spettacolo, dal vasto repertorio, era inserito nella rassegna estiva Età della saggezza, organizzata dalla fondazione con lo scopo di rinsaldare il legame con la comunità cremasca", spiegano i promotori. “La manifestazione – ha ricordato la presidente di Fbc Bianca Baruelli – ci consente ormai da 25 anni di coinvolgere la comunità cremasca e soprattutto di esserne parte. Siamo felici ed orgogliosi di potervi accogliere per un momento musicale insieme”.

Presente all’evento anche l’assessore al bilancio del Comune di Crema, Cinzia Fontana, per la quale l’ iniziativa “mostra la forza di ripartire dopo 15 mesi così difficili”. “L’orchestra - ha detto - dona un messaggio di amore, d’affetto ed umanità che, mi auguro, continui a vivere. Grazie per i talenti che oggi mettete a disposizione degli ospiti della fondazione”.

“Noi vi vogliamo bene”,  ha detto il maestro Lombardi tra una canzone e l’altra; la risposta, tra gli applausi, è stata unanime: “Lo ricorderemo, grazie”. Al termine del concerto la presidente Baruelli ha ringraziato i musicisti: “La vostra musica pone l’accento sui valori importanti della vita: siete bravissimi”.

"Le note parlano un linguaggio universale. Uniscono, oltre le difficoltà. Superano pregiudizi e generano risorse. Così dalle fragilità si genera forza. Una ed una sola forza". Per Gloria Regazzi, responsabile gestionale della Rsa: “La musica è un linguaggio non verbale capace di suscitare emozioni, stimolare la rievocazione del ricordo ed è anche un buon catalizzatore delle relazioni e del clima di gruppo. Aver potuto offrire agli ospiti un concerto così bello e con un ampio repertorio è stata sicuramente un'ottima occasione per incidere positivamente sul loro umore”.

Nato con l’intento di "mostrare vicinanza ed affetto alle persone più colpite dall’emergenza pandemica, il primo concerto affettuoso si è rivelato un successo". "Ora non ci fermeremo. Ci piacerebbe portare il nostro messaggio d’amore in altre realtà simili. L’amore e la musica non possono fermarsi".

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news

in calendario