14 settembre 2016 ore: 11:41
Disabilità

Iacopo Melio: "Soldi direttamente ai disabili per una vita autonoma"

Il fondatore della campagna "Vorrei prendere il treno" esprime alcune critiche sulla legge nazionale. “Con i soldi stanziati, è impossibile per un disabile andare a vivere da solo”. E sulla conferenza nazionale: “Ci aspettiamo risposte concrete”
Iacopo Melio 2

FIRENZE – “La legge sul dopo di noi è un primo passo, ma non dà una reale indipendenza al disabile perché i soldi stanziati mensilmente dal Governo finiscono alle cooperative, non direttamente al disabile. Questo significa che è la cooperativa a decidere sull’autonomia del disabile, a decidere quale operatore inviare a casa del disabile e come assisterlo”.

- Sono le parole del giovane disabile Iacopo Melio, fondatore della campagna ‘Vorrei prendere il treno’, a pochi giorni dall’inizio della Conferenza nazionale sulla disabilità. Per chiarire le sue tesi, fa l’esempio di se stesso: “Io ricevo per l’autonomia e l’assistenza allo studio mille euro al mese, ma tutti questi soldi finiscono nelle mani della cooperativa che mi assiste. Così sono vincolato per qualsiasi cosa alla cooperativa e non sono indipendente al 100 per cento”. Quanto ai fondi stanziati dal Governo, Melio dice che “è un primo passo” ma “con questi soldi, è impossibile per un disabile andare a vivere da solo”.

Sono tante le aspettative del mondo dei disabili sulla Conferenza nazionale, su cui Melio dice: “Ci auguriamo che la conferenza non sia soltanto una passerella ma porti a qualcosa di concreto, magari attraverso le proposte lanciate dai nostri tavoli”. Melio parteciperà alla Conferenza regionale sulla disabilità, che si terrà giovedì 15 settembre, sempre alla Fortezza.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news