30 luglio 2014 ore: 14:49
Immigrazione

Immigrati, i Neet arrivano quasi a 400 mila: soprattutto ragazze

I dati del quarto rapporto annuale del ministero del Lavoro e delle politiche sociali. Sempre più giovani figli di stranieri non studiano né lavorano: il 67 per cento sono donne. Forlani: “Incide la componente culturale”. Crescono gli inattivi: +77mila rispetto al 2012
Giovani immigrati seduti, disoccupazione

ROMA  -  Sono circa 400 mila i giovani stranieri che non studiano né lavorano. Il fenomeno dei cosiddetti Neet  (not in employment, education and training),  coinvolge sempre di più anche i figli di cittadini immigrati. Allo stesso tempo tra gli stranieri sono in aumento gli inattivi (+77mila unità tra il 2012 e il 2013) soprattutto tra gli extracomunitari. A rivelarlo è il IV rapporto annuale 2014 “Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia” realizzato dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali e presentato oggi a Roma.

boxDallo studio emerge che  nel 2013 sono 385.179 i giovani stranieri tra i 15 e 29 anni che non studiano né cercano lavoro, il 15,8 per cento dell’intera popolazione considerata. Il fenomeno coinvolge in particolare le ragazze, sia nel caso dei cittadini Ue che extra Ue, al contrario di quello che accade tra i ragazzi italiani. Le donne Neet sono infatti il 64,3 per centro tra i comunitari e il 67,3 per cento tra gli extra Ue, mentre tra i ragazzi italiani la componente femminile interessata dal fenomeno si ferma al 49,7 per cento.

La tendenza alla segmentazione di genere è molto più evidente nel caso di alcune specifiche comunità – spiega il rapporto - ad esempio, nei casi delle cittadinanze quali Marocco, Bangladesh, India, Moldavia, Ucraina, Pakistan e Sri Lanka (Ceylon), le donne sono i due terzi dei Neet complessivamente stimati, superano cioè il 70 per cento del totale.

“Il fenomeno dei Neet, prima considerato prerogativa degli italiani, oggi coinvolge sempre di più gli stranieri – spiega Natale Forlani, direttore generale Immigrazione e politiche di integrazione del ministero -. In molti casi si tratta di giovani venuti qui in seguito a ricongiungimenti familiari. Riguarda soprattutto le ragazze, perché a incidere è soprattutto la componente culturale, che vede le donne stare a casa e gli uomini lavorare. Un aspetto questo su cui dovremo lavorare, e che è recuperabile soprattutto per le seconde generazioni. Mentre è più difficile agire sulle prime”.

Il rapporto sottolinea inoltre che è in crescita anche la popolazione straniera inattiva, che nel 2013 ha raggiunto quota 1.275.343 (+77 mila unità su base annua). L’aumento, spiega il rapporto del ministero ha interessato soprattutto la componente extra Ue (+52 mila), dovuta al fenomeno dei ricongiungimenti familiari, all’aumento del numero di stranieri di “seconda generazione” ed alle quote di ingresso non programmate di popolazione straniera non comunitaria come i richiedenti protezione internazionale. (ec)

Su RS, l'Agenzia di Redattore sociale, leggi i dati del rapporto "Gli immigrati nel mercato del lavoro in Italia” e l'intervento del sottosegretario Franca Biondelli.  

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news