19 maggio 2021 ore: 10:30
Società

Infanzia, il gioco dell’oca di Unicef Bologna: “Giocando si imparano i diritti”

In occasione del trentennale della ratifica italiana della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, Unicef Bologna lancia una nuova versione del famoso gioco da tavolo. Sul tabellone di gioco le indicazioni dei diritti fondamentali dei bambini
Gioco dell'oca_Unicef

Il tabellone del Gioco dell'oca di Unicef Bologna

BOLOGNA – “Il diritto di essere ascoltati”, “Il diritto a essere protetti”, il diritto di sviluppare le proprie capacità individuali o, ancora, il diritto di giocare. Unicef Bologna promuove la conoscenza dei diritti dei bambini riscrivendoli sui sentieri di uno tra i più noti giochi da tavola: il gioco dell’oca, ristampato in un’edizione speciale grazie al sostegno di alcune aziende bolognesi. Attraverso un tabellone ad hoc – punteggiato dalle indicazioni sui diritti fondamentali dei minori –, tutti potranno imparare giocando. Il comitato provinciale Unicef prosegue la campagna di sensibilizzazione sulla tutela dei bambini in previsione del 27 maggio, giorno del trentesimo anniversario della ratifica della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza da parte dell’Italia.

La Convenzione è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo: a oggi sono 196 i paesi che l’hanno ratificato. “Quale strumento migliore per avvicinare i bambini a un tema così importante, se non il più famoso gioco da tavola – interviene il presidente Raffaele Pignone –. Come Unicef lanciamo questa nuova idea, volta a tenere alta l’attenzione sulle problematiche civili, economiche e sociali infantili, offrendo a piccoli e grandi l’opportunità di riflettere sull’importanza dei diritti fondamentali. Ci rende felici sapere che centinaia di copie stanno già tenendo compagnia ai pazienti pediatrici del Sant’Orsola, del Rizzoli, dell’Ospedale Maggiore e di altre strutture della città”. Il gioco dell’oca – di cui sono state realizzate 25 mila copie – è in distribuzione anche nelle 19 “Scuole Amiche” dell’Unicef, in un secondo momento arriverà a tutte le scuole elementari e medie dell’area metropolitana.

Il gioco da tavola sui Diritti dei Bambini arriva dopo il successo del libro “Bambini al tempo del lockdown”: una raccolta di disegni, poesie e racconti a testimonianza delle difficoltà vissute dai più piccoli durante il lungo periodo della pandemia. Primo evento in cui saranno protagonisti sia il gioco da tavola sia il libro sarà la mostra organizzata, sempre da Unicef Bologna, nella Biblioteca Salaborsa dal 23 novembre al 4 dicembre 2021. La mostra sarà inaugurata martedì 23 novembre alla presenza dei volontari Unicef e dell’arcivescovo di Bologna Mons. Matteo Maria Zuppi, che ha firmato anche la prefazione del libro.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news