29 gennaio 2024 ore: 13:33
Società

Iran, Amnesty: altri quattro curdi giustiziati per accuse infondate

Il portavoce Noury: "Le autorità si vendicano dei crimini israeliani a Gaza mettendo a morte loro cittadini accusati di spionaggio per Israele". Cresce la preoccupazione per Ahmadreza Djalali, nel braccio della morte dal 2017
Amnesty International PENA DI MORTE. 226704_Death Penalty 2016 - Stills_860x480

"In Iran c'è stata l'ennesima alba di sangue: le autorità si vendicano dei crimini israeliani a Gaza mettendo a morte loro cittadini accusati di spionaggio per Israele". Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, commenta in una nota l'impiccagione, avvenuta questa mattina all'alba, di quattro prigionieri curdi nella prigione di Karaj.

Mohsen Mazloum, Pejman Fatehi, Vafa Azarbar ed Hezir Faramanzi erano stati arrestati il 22 giugno 2021 e accusati di "inimicizia contro Dio" e spionaggio in favore di Israele. Dopo mesi di isolamento, seguendo una prassi consolidata, gli organi d'informazione di stato avevano diffuso i video delle loro "confessioni" forzate.

Per tutta la durata della detenzione, Amnesty ricorda che i quattro prigionieri non hanno potuto incontrare i loro avvocati. I familiari hanno potuto vederli, per un ultimo saluto, solo un giorno prima dell'esecuzione.

"Siamo sempre più preoccupati per la sorte di un altro condannato a morte per l'assurda accusa di spionaggio in favore di Israele: Ahmadreza Djalali, con passaporto svedese, che ha svolto ricerca presso l'Università del Piemonte Orientale, nel braccio della morte dal 2017", ha sottolineato Noury. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news