30 gennaio 2018 ore: 11:12
Società

Italiani insoddisfatti su risanamento dei conti e immigrazione

"Rapporto Italia 2018" di Eurispes. Pochi italiani si dicono convinti che il Governo sia riuscito a mettere mano ai conti pubblici, risanandoli (18,7%, contro l'81,3%). Male il versante economico, occupazionale, di sostegno alle famiglie e l'immigrazione. Più positivo il giudizio su contrasto a criminalità e terrorismo

ROMA - Pochi italiani si dicono convinti che il Governo sia riuscito a mettere mano ai conti pubblici, risanandoli (18,7%, contro l'81,3%). E' quanto emerge dal "Rapporto Italia 2018" di Eurispes. Male il versante economico, occupazionale, di sostegno alle famiglie e l'immigrazione. Più positivo il giudizio su contrasto a criminalità e terrorismo, sull'immagine dell'Italia all'estero anche attraverso il sostegno al Made in Italy.

Tra le attese non corrisposte, rilanciare i consumi e gestire la crisi immigrazione (per entrambe le voci il 24% circa dei giudizi positivi) la lotta alla disoccupazione (80% contro il 20%), offrire prospettive ai giovani (80% vs 20%), maggiori diritti per i cittadini (76,3% contro il 23,7%), garantire la coesione sociale e sostenere la natalità (77,2% vs 22,8% in entrambi i casi), la diminuzione della pressione fiscale (80,6% vs 19,4%) e portare a termine una buona riforma elettorale (79,5% vs 25,5%).

Più positivo invece il giudizio sulla capacità di contrasto alle minacce del terrorismo internazionale: il 50% dei cittadini è convinto che il Governo sia riuscito a tutelare l'Italia. Per il 37,2% il Governo è stato in grado di contrastare la microcriminalità; molto meglio il dato sul contrasto alla criminalità organizzata (44,1%). Il Governo ha avuto per molti il merito di tenere alta l'immagine dell'Italia all'estero (41,7%) e parallelamente sostenere il Made in Italy nel mondo (45,2%).

La politica dei Bonus, quello consumi giudicato meno positivamente (55% vs 45%). Sia il Bonus cultura sia il Bonus mamme hanno riscontrato apprezzamento da parte della maggioranza dei cittadini: rispettivamente il 59% e il 60,3% si dicono convinti che questi provvedimenti abbiano avuto un impatto economico positivo. Solo il Bonus consumi ha un giudizio a maggioranza negativo (55% vs 45%). (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale