5 marzo 2020 ore: 10:09
Immigrazione

La “Coca Cola con la cannuccia corta”: la canzone sulle seconde generazioni

Lorenzo Baglioni, insegnante, cantautore e presentatore televisivo, lancia il suo nuovo videoclip, dedicato a chi, qualche volta, “si sente straniero a casa propria”. Fa parte del progetto “Pinocchio”, che ha l'obiettivo di fare cultura contro le discriminazioni
Una Coca cola con la cannuccia corta canzone

ROMA - “Ci si può stranieri a casa propria? Abbiamo provato a raccontare il razzismo e l’integrazione con una canzone. Ognuno di noi può fare la propria parte nella lotta ai fenomeni di discriminazione per favorire i processi d’integrazione”: con queste parole Lorenzo Baglioni, prima insegnante, poi cantautore e ora anche presentatore televisivo per ragazzi, ha appena lanciato la sua nuova canzone: “Uina Coca Cola con la cannuccia corta corta”. E' la storia di Yetunde, un bambino “con la faccia marrone”, che “crebbe per le strade di Firenze, 11 anni a far finta di non vedere le differenze”. Ma “mica sempre, però qualche volta, si sentiva proprio perso: dentro era uguale a tutti gli altri e fuori invece così diverso”. Insomma, “sono straniero nella mia città”, è il sentire di Yetunde, “io che sono di Firenze e che sogno con la 'c' aspirata, 'una hoha hola, hon la hannuccia horta'”. In questa storia, che rischia di essere triste e buia, tra parole “che fanno male più delle botte”, il lieto fine arriva con il volto di Caterina, l'amica che prende Yetunde per mano, gli dice “cammina”. Poi “mi ha fatto vedere i piccioni a Firenze, mi ha fatto notare le differenze: tutti hanno un becco, due zampe e due ali, sono tutti diversi ma son tutti uguali. Siamo tutti diversi ma siam tutti uguali”.

Il video è stato realizzato nell'ambito del progetto “Pinocchio: cultura, sport, partecipazione civica e social network contro le discriminazioni per una maggiore inclusione”, finanziato dall'Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo, in partenariato con Arci Liguria, Arci Caserta, Cefa, Lunaria, Uisp, Comune di Bologna e Cultura è Bologna.

© Copyright Redattore Sociale