27 giugno 2023 ore: 13:53
Società

La guerra costa: studio di Actionaid sull'impatto del conflitto in Ucraina

Il rapporto “I costi umani della crisi alimentare” denuncia un aumento fino a dieci volte dei prezzi di cibo e carburante nelle comunità più emarginate del mondo. Pesanti le conseguenze sul futuro di donne e bambini dei Paesi più colpiti
povertà disagio persone senza dimora

ROMA - A quasi un anno e mezzo dallo scoppio della guerra in Ucraina, l'impatto del conflitto causato dall’aumento del costo delle materie prime continua a intensificarsi in alcuni dei luoghi più vulnerabili al mondo dove le famiglie arrivano a spendere fino a dieci volte quello che pagavano 16 mesi fa per acquistare generi, alimentari e non, di prima necessità. È quanto evidenzia ActionAid in un’indagine condotta su oltre 1.000 persone, fra semplici cittadini e leader di comunità, in 14 Paesi di Africa, Asia e Caraibi.

Lo studio ha rilevato un notevole aumento dei prezzi, sebbene la tendenza indicata nell'Indice dei prezzi alimentari pubblicato dalla Fao mostri un calo dell'11,7% dal febbraio 2022. L'aumento dei prezzi è particolarmente allarmante in un periodo in cui, nelle comunità intervistate, i redditi sono diminuiti di quasi un quarto, con punte che in Etiopia, nell’area di Guna, hanno raggiunto meno 133%. Quasi i tre quarti (74%) degli intervistati hanno inoltre ammesso di aver cambiato la propria dieta scegliendo alimenti di bassa qualità, mentre più della metà (59%) ha dichiarato che le persone della propria comunità si sono indebitate.

"Questa ricerca dimostra come dall'inizio della guerra in Ucraina, le persone più vulnerabili in tutto il mondo stanno sopportando il peso dell'aumento vertiginoso dei prezzi del cibo, carburante e fertilizzanti. Le donne e le ragazze sono le più colpite, e in modo sproporzionato, da crisi multiple che hanno un impatto sull'alimentazione, sull'istruzione, sul diritto a vivere senza il rischio di contrarre un matrimonio in giovanissima età con pesanti conseguenze per la loro salute e benessere mentale" dichiara Alberta Guerra, Global Policy Analyst per ActionAid e Coordinatrice della ricerca.

Nel periodo monitorato i prezzi della pasta e dei fertilizzanti sono aumentati in media di oltre il 115%, i costi della benzina dell'80%. Dall'inizio della guerra, nei mercati locali e nelle comunità dei Paesi presi in esame da ActionAid, le comunità spendono in media il doppio (101% in più) per una pagnotta di pane (con un aumento fino al 614% nel distretto di Binga, in Zimbabwe), lo zucchero è aumentato in media del 59% (più dell'800% nel distretto di Binga, in Zimbabwe), l’olio del 57%, il gas per cucinare del 47%. Non sono esenti anche generi non alimentare come gli assorbenti, il cui costo è salito in media dell'83%.

Gli aumenti rilevati portano con sé pesanti conseguenze sulle popolazioni locali, soprattutto per quanto riguarda il futuro di donne e bambini. I leader delle comunità di 10 Paesi hanno dichiarato che nelle loro aree locali i tassi di matrimonio infantile sono in aumento mentre peggiora anche la salute mentale nelle comunità più colpite: più della metà degli intervistati ha affermato che l'aumento dei prezzi li ha fatti sentire senza speranza (53%), suscitando preoccupazioni sull'impatto che la crisi sta avendo sul benessere emotivo delle famiglie. In 10 dei 14 paesi esaminati i tassi di abbandono scolastico sono aumentati sia per le ragazze sia per i ragazzi, mentre la pressione economica creata dall'aumento dei prezzi ha portato anche a un aumento dei casi di matrimonio infantile.

I Paesi coinvolti nell’indagine stanno affrontando gli impatti di crisi intersecate tra loro, come i disastri climatici, le conseguenze del conflitto in Ucraina ma anche lo stress da debito estero e il forte deprezzamento delle loro valute locali. ActionAid chiede quindi un approccio olistico e finanziamenti adeguati che affrontino queste crisi interconnesse.

"È necessario introdurre con urgenza misure di protezione sociale, tra cui servizi di istruzione e pasti scolastici gratuiti, per assistere le famiglie più a rischio. A più lungo termine, i governi che dipendono dalle importazioni di cibo devono anche investire in riserve alimentari nazionali e regionali per agire da cuscinetto e ridurre la vulnerabilità dei Paesi alla carenza di cibo e all'aumento dei prezzi. Gli impatti catastrofici a cui stiamo assistendo rendono chiaro il motivo per cui una giusta transizione verso le energie rinnovabili e le pratiche agricole agroecologiche è necessaria ora più che mai, sia per proteggere le comunità dagli shock sia per offrire resilienza contro la crisi climatica. Non c'è tempo da perdere” conclude Alberta Guerra.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news