10 febbraio 2015 ore: 16:00
Immigrazione

Lampedusa, Arci: senza Mare nostrum, Mediterraneo teatro di morte

L'Arci descrive l'ennesima tragedia nel Mediterraneo come "frutto non del caso, delle condizioni avverse del mare, del freddo invernale- che pure hanno contribuito a determinarla- ma imputabile in primo luogo alla scelta sciagurata compiuta d...

Roma - L'Arci descrive l'ennesima tragedia nel Mediterraneo come "frutto non del caso, delle condizioni avverse del mare, del freddo invernale- che pure hanno contribuito a determinarla- ma imputabile in primo luogo alla scelta sciagurata compiuta dal governo di sospendere Mare nostrum, passando da un'azione dedicata alla ricerca e al soccorso in mare dei migranti all'operazione Triton, finalizzata solo al controllo e alla sicurezza delle frontiere".

L'associazione spiega che, di fronte alla richiesta "di non interrompere Mare nostrum, eravamo consapevoli che l'esito non poteva che essere questo, visto che in un mondo sempre piu' attraversato da guerre e in cui milioni di persone vivono sotto la soglia di poverta' il flusso di profughi non si sarebbe arrestato, ma sarebbe anzi aumentato. Ne' l'egoismo cinico dell'Europa, ne' la furia della natura- come dimostrano anche queste ultime vittime- puo' infatti fermare la determinazione di chi si mette in viaggio alla disperata ricerca di condizioni migliori di vita".

Per questo, continua l'Arci, "le parole ipocrite di cordoglio da parte delle istituzioni, italiane ed europee, suscitano ormai solo un moto di indignazione. Queste, come le morti di frontiera degli ultimi anni, si sarebbero potute evitare se ci fosse stata la volonta' politica di adottare le misure necessarie, a partire dall'apertura di canali umanitari, o di moltiplicare le operazioni come Mare nostrum, anziche' sopprimerle".

Cio' detto, "ci aspettiamo adesso non lacrime di coccodrillo ma azioni concrete, che dimostrino un cambiamento radicale delle politiche italiane ed europee sull'immigrazione. Altrimenti crescera' la convinzione che queste morti siano sempre piu' assimilabili a veri e propri omicidi, visto che nulla si fa per evitarle", conclude l'associazione. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news