23 febbraio 2017 ore: 14:55
Economia

Lavoro, Inps: "Nel 2016 contratti indeterminati in calo del 37,6%"

Nel gennaio 2017 le vendite dei voucher sono pari a 8,9 milioni (valore nominale di 10 euro) e si sono stabilizzate su livelli sostanzialmente analoghi a quelli di gennaio 2016 (8,5 milioni), con un modesto incremento del 3,9%. Lo comunica l'...
Due studenti con computer, scuola, lavoro, giovani

Roma - Nel gennaio 2017 le vendite dei voucher sono pari a 8,9 milioni (valore nominale di 10 euro) e si sono stabilizzate su livelli sostanzialmente analoghi a quelli di gennaio 2016 (8,5 milioni), con un modesto incremento del 3,9%. Lo comunica l'Osservatorio sul precariato dell'Inps.

La forte flessione nella crescita della vendita dei voucher, sempre piu' marcata a partire da ottobre 2016, puo' riflettere anche gli effetti del decreto legislativo 81/2015 con cui sono stati introdotti obblighi di comunicazione preventiva in merito all'orario di svolgimento della prestazione lavorativa, divenuti operativi a partire dalla seconda meta' di ottobre 2016.

Complessivamente le assunzioni, sempre riferite ai soli datori di lavoro privati, nel periodo gennaio-dicembre 2016 sono risultate 5.804.000, con una riduzione di 464.000 unita' rispetto al corrispondente periodo del 2015 (-7,4%). Nel complesso delle assunzioni sono comprese anche le assunzioni stagionali (565.000), comunica l'Osservatorio.

Il rallentamento delle assunzioni ha riguardato principalmente i contratti a tempo indeterminato: -763.000, pari a -37,6% rispetto al 2015. Questa riduzione va collegata al forte incremento delle assunzioni a tempo indeterminato registrato nel 2015, anno in cui dette assunzioni potevano beneficiare dell'abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di tre anni. Analoghe considerazioni possono essere sviluppate per la contrazione del flusso di trasformazioni a tempo indeterminato (-35,4%).

Nel 2016 il saldo dei contratti a tempo indeterminato tra nuovi rapporti di lavoro, trasformazioni, apprendisti trasformati a tempo indeterminato e cessazioni segna 82.917 contratti che e' il 91% in meno rispetto al saldo del 2015 che aveva registrato 934 mila rapporti. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale