8 agosto 2017 ore: 10:42
Immigrazione

Libia, Alfano: riduciamo a uno tutti i negoziati

"Il messaggio di fondo che io ho consegnato a Ghassan Salame' e' riduciamo a uno tutti i formati negoziali in corso, una reductio ad unum che e' un elemento fondamentale della nostra strategia di legittimazione per dare forza all'inviato spec...

Roma - "Il messaggio di fondo che io ho consegnato a Ghassan Salame' e' riduciamo a uno tutti i formati negoziali in corso, una reductio ad unum che e' un elemento fondamentale della nostra strategia di legittimazione per dare forza all'inviato speciale delle Nazioni unite, e io spero che lui abbia condiviso i punti dell'agenda italiana sulla Libia". Angelino Alfano, ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, lo dice nel corso della conferenza stampa seguita all'incontro con l'inviato dell'Onu per la Libia Ghassan Salame', trasmessa in diretta su Sky Tg24. 

"Abbiamo grande fiducia riguardo l'affidabilita' personale e politica del presidente al Sarraj" ma "questo non vuol dire escludere l'Est, perche' siamo stati tra i primi a proporre per il generale Haftar un ruolo preminente ed eminente nell'ambito delle istituzioni libiche. La nostra opinione e' che il tutto, come avviene negli ordinamenti liberali, si svolga sotto l'ombrello delle istituzioni civili dello Stato nell'ambito del processo politico che, speriamo, l'inviato speciale Onu Ghassam Salame' accelerera' in termini di stabilita'". 

"E' chiaro che dobbiamo dare forza alle istituzioni legittimate dall'Onu perche' la loro forza si puo' per noi tradurre in maggiore efficacia delle politiche di contenimento dei flussi migratori - spiega Alfano - quindi e' nel nostro interesse dare forza, perche' piu' forza hanno loro piu' forti saranno nel contenere i flussi migratori".

Per quel che riguarda la Guardia costiera libica "e' un lavoro che va avanti- prosegue il titolare della Farnesina- ci siamo impegnati nella ricostituzione della Guardia costiera libica soprattutto con due atti, un aiuto per quanto riguarda la strumentazione tecnica e le motovedette , poi una formazione agli agenti della Guardia costiera senza dire che adesso abbiamo avviato anche una missione assistenza. Noi crediamo sia un lavoro in corso quello dell'efficientamento della Guardia costiera libica che sta dando i primi risultati, che puo' ancora migliorare ma e' gia migliorato rispetto alla situazione di partenza".

© Copyright Redattore Sociale