6 giugno 2020 ore: 14:38
Salute

Lydia, la paziente uno di Montecatone racconta la sua odissea

di Alice Facchini
Si trovava all’istituto di Montecatone con una mielite quando è arrivata la diagnosi del Covid-19. Dopo 20 giorni in ospedale, Lydia è tornata nella struttura, nel reparto dedicato a pazienti positivi al coronavirus. Da pochi giorni ha ripreso la riabilitazione: “Ho avuto tanta paura, è stata un’esperienza dolorosa”
Paziente 1 Montecatone coronavirus

MONTECATONE (IMOLA) – La temperatura corporea di Lydia comincia a salire, arrivano anche insistenti colpi di tosse. È il 19 marzo, siamo in piena emergenza per la pandemia da Covid-19. Mancano poche ore dal suo settantesimo compleanno: la signora inizia a preoccuparsi, così chiede aiuto. Lydia Golia, originaria di Aversa, in provincia di Caserta, è una paziente del Montecatone Rehabilitation Institute, ospedale di alta specialità per la riabilitazione delle persone colpite da lesioni midollari o cerebrali acquisite alle porte di Imola. La diagnosi arriva poco dopo: infezione da coronavirus. E così inizia la sua odissea.

Già preside di un istituto comprensivo nel Vicentino, Lydia era stata trasferita a Montecatone il 27 novembre dell’anno scorso, dopo aver perso la mobilità degli arti inferiori. “Stavo cucinando quand’ho avvertito un bruciore fortissimo al bacino irradiarsi rapidamente a gambe e piedi – ricorda –. Si è trattato di una mielite, verosimilmente, di origine sconosciuta”. Sottoposta in Puglia ad alcuni cicli di farmaci antivirali e antibiotici, Lydia arriva a Montecatone che manca poco meno di un mese a Natale e inizia il percorso riabilitativo con un’équipe specializzata. “Gli esercizi mi avevano permesso di rinforzare il tronco e le braccia, tutto stava andando per il verso giusto – racconta Lydia –. Poi è arrivato il Covid”. Quando Lydia presenta i primi sintomi, lo staff medico dell’istituto – fino a quel momento struttura Covid free – dispone immediatamente un tampone. L’esito arriva nel cuore della notte: la signora è positiva, dev’essere immediatamente trasferita.

Viene allertata la rete ospedaliera dell’area metropolitana e alle 10 del 20 marzo Lydia, nel giorno del suo settantesimo compleanno, viene ricoverata all’ospedale Sant’Orsola di Bologna. A Montecatone, intanto, viene attivato il protocollo di stretta sorveglianza per quanti nelle ore precedenti avevano avuto contatti con lei, e scatta il divieto di accesso all’istituto per parenti e visitatori. “Al Sant’Orsola sono rimasta una ventina di giorni – racconta Lydia –. La diagnosi è stata di polmonite bilaterale. Ho avuto tanta paura: ho temuto per la mia vita. È stata dura, un’esperienza dolorosa sia fisicamente sia psicologicamente. Per fortuna ero seguita da personale altamente qualificato, disponibile, attento”. 

In terapia intensiva Lydia non ci è mai entrata. Ciononostante, i collegamenti con l’esterno erano sospesi, e per comunicare con i parenti Lydia si affidava all’aiuto del personale sanitario. L’11 aprile, finalmente, viene dimessa e rientra nell’istituto di Montecatone, dove nel frattempo è stato aperto un reparto dedicato ai pazienti risultati positivi al Covid-19. Dopo essere finalmente guarita, oggi Lydia ha potuto riprendere la riabilitazione. “La mattina mi dedico alla ginnastica respiratoria – conclude –. Sto bene, ma è preferibile continuare per espandere i polmoni perché più si aprono meglio è. Inoltre, sono impegnata con la terapia occupazionale, che mi aiuta a compiere di nuovo gesti e azioni in autonomia. Il Covid è stato un disastro, ma almeno sulla mia strada ho trovato degli angeli ad aiutarmi”.

© Copyright Redattore Sociale