/ Economia
26 ottobre 2016 ore: 18:03
Giustizia

Mafie, scatti di viaggio nel sud Italia tra beni confiscati e opere mai terminate

"Unfinished - Architetture criminali" e' il viaggio di Adelaide Di Nunzio, fotoreporter napoletana, nel sud Italia tra beni confiscati e opere mai terminate. La mostra, curata da Saverio Ammendola, sara' inaugurata domani giovedi' 27 ottobre ...
"Unfinished Architetture criminali" - Di Nunzio
"Unfinished - Architetture criminali" di Adelaide Di Nunzio,
"Unfinished Architetture criminali" - Di Nunzio

Roma - "Unfinished - Architetture criminali" e' il viaggio di Adelaide Di Nunzio, fotoreporter napoletana, nel sud Italia tra beni confiscati e opere mai terminate. La mostra, curata da Saverio Ammendola, sara' inaugurata domani giovedi' 27 ottobre alle 18 a Napoli, negli spazi della Mediterranea, in via Carlo de Cesare 60. Un percorso fotografico tra Campania, Calabria, Puglia e Sicilia per catturare il degrado di edifici abusivi mai terminati, il kitsch delle ville sequestrate alla criminalita' organizzata, tra marni, stucchi e tessuti barocchi, e interrogarsi sul territorio. La mostra restera' in allestimento fino al 26 novembre.

Le venti immagini, rigorosamente in bianco e nero, portano l'osservatore tra Rosarno, Cinisi, Casal di Principe e Bari, raccontano di un Sud, senza cedere ai soliti stereotipi: l'elemento umano e' assente negli scatti, ma e' presente nell'immaginario collettivo, essendo artefice del degrado. Le opere mai terminate, i mostri, gli eccessi esibiti dei malavitosi di turno diventano all'occhio dello spettatore un paesaggio "normale": sono monumenti-simbolo del degrado, ai quali troppo spesso finiamo per abituarci.

"Nel potente bianco e nero del reportage - scrive Antonio Vesco (antropologo dell'Universita' di Torino), nella presentazione - ville, palazzi, interni lussuosi e grandi giardini kitsch divengono immagini forti. Il loro compito e' quello di ricordarci che gli autori ultimi dello scempio sono gli stessi ideatori delle costruzioni ritratte, con i loro immaginari di ricchezza, le loro smanie di dominio, l'incapacita' di concepire il territorio in un'ottica comunitaria". Le immagini in mostra fanno parte del catalogo edito da Mediterranea, a cura di Saverio Ammendola.

Adelaide Di Nunzio inizia il suo percorso a Napoli, all'Accademia di Belle Arti, continua gli studi in fotografia alla scuola di Riccardo Bauer di Milano collaborando con agenzie e giornali internazionali come Grazianeri, Vanity Fair, Sunday Times, Corriere della Sera.

L'approccio all'immagine e' sempre di tipo antropologico e sociale, per offrire al fruitore una riflessione sul tema e un canale di comunicazione emotivo.

Le sue immagini raccontano l'Italia, soprattutto il Sud, la Turchia, il Benin, l'Etiopia. Attualmente vive tra Colonia e Napoli e realizza progetti nel campo della fotografia artistica e in quello del fotoreportage. (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale