28 febbraio 2017 ore: 13:43
Salute

Malattie rare, Mattarella: rafforzare la cooperazione tra i sistemi sanitari europei

Sulle malattie rare "l'auspicio - a beneficio dei cittadini - e' che si rafforzi sempre piu' il sistema di cooperazione tra i sistemi sanitari europei". Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la celebrazione della X Giornata delle malattie rare al Quirinale

Sulle malattie rare "l'auspicio - a beneficio dei cittadini - e' che si rafforzi sempre piu' il sistema di cooperazione tra i sistemi sanitari europei". Lo dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la celebrazione della X Giornata delle malattie rare al Quirinale. "Le malattie rare- ricorda il capo dello Stato- sono state identificate dall'Unione Europea come uno dei settori della sanita' pubblica per i quali e' fondamentale la collaborazione tra gli Stati Membri: importanti opportunita' terapeutiche sono gia' offerte ai pazienti dalla Direttiva n. 24 del 9 marzo 2011 sui diritti dei malati, relativi all'assistenza sanitaria transfrontaliera e alla liberta' di scelta del prestatore di assistenza sanitaria".

Il presidente della Repubblica aggiunge che "in questo processo di rafforzamento delle cure e dell'assistenza, un ruolo insostituibile e' stato svolto dalle Associazioni dei pazienti, che hanno contribuito a incoraggiare politiche mirate, e a indirizzare ricerche, oltre che a sostenerle attraverso raccolte di fondi, che hanno avuto successo anche perche' sono riuscite a mobilitare l'opinione pubblica. Molti traguardi raggiunti- sottolinea- sono merito della generosa attivita' delle organizzazioni che hanno permesso di acquisire consapevolezza della peculiarita' di questi morbi e dei problemi che comportano: a loro va dato merito ed espressa riconoscenza".

Mattarella conclude: "Nell'insieme delle malattie rare circa il 30% e' rappresentato da patologie non diagnosticate. Il censimento di queste infermita' e' fondamentale, anche ai fini del riconoscimento nell'ambito dei Livelli Essenziali di Assistenza. Il problema delle malattie rare, come quello dei pazienti non diagnosticati, e' globale. Combattere per il diritto alla salute di questi pazienti trova - per definizione - nel piu' ampio ambito internazionale, maggiori possibilita' di successo. Per questo sono nate reti specifiche e va salutata con favore la recente iniziativa dell'ONU di dedicare un apposito Comitato nell'ambito delle Organizzazioni non governative, per fornire una piattaforma di contatto tra i governi e i vari soggetti che operano nel settore. Mai come in questo caso l'impegno comune e' indispensabile". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news