8 novembre 2018 ore: 12:44
Economia

Manovra, Svimez: effetti positivi per il Sud ma l'impatto sul Pil è scarso

Rapporto Svimez: "L'impatto dei provvedimenti contenuti nella manovra sull'evoluzione del pil al Centro-Nord e al Sud darebbe un impulso positivo nel Mezzogiorno" ma, rileva la Svimez nel corso della presentazione del rapporto "l'impatto sul pil del Sud resta basso, e in calo negli anni, per la stagnazione del sistema produttivo"

Roma - "L'impatto dei provvedimenti contenuti nella manovra sull'evoluzione del pil al Centro-Nord e al Sud darebbe un impulso positivo nel Mezzogiorno di circa lo 0,3% nel 2019 sull'aumento previsto del prodotto lordo dell'1%, e di poco piu' dello 0,4% nel 2020 sul pil allo 0,9% ipotizzato". Lo rileva la Svimez nel corso della presentazione del rapporto 2018, illustrato alla Camera dal direttore Luca Bianchi. Quindi effetti "positivi", ma "l'impatto sul pil del Sud resta basso, e in calo negli anni, per la stagnazione del sistema produttivo. Cio' soprattutto perche' non e' previsto un significativo incremento degli investimenti, mentre solo maggiori risorse potrebbero stimolare la crescita dell'economia meridionale". Lo spread alto danneggia piu' il Mezzogiorno del Centro-Nord.

La Svimez valuta "anche l'effetto dell'ampliamento dello spread al Centro-Nord e nel Mezzogiorno, ipotizzando che nel 2019 e nel 2020 sia di poco inferiore ai 300 punti. Un innalzamento stabile dello spread sui livelli attuali comporterebbe una minore crescita nel 2019 di circa lo 0,33% e nel 2020 dello 0,35%. Nel Centro-Nord l'effetto sarebbe, invece, dello 0,22% il prossimo anno e dello 0,25% il successivo". Infine la Svimez "stima per il 2019, all'interno di un rallentamento ulteriore dell'economia italiana (dall'1,5% del 2017 all'1,2 % del 2018 e all'1,1% del 2019 e 2020), un leggero recupero dell'economia meridionale e un rallentamento di quella del Centro-Nord: nel Sud il pil all'1,4% del 2017 scende allo 0,8% nel 2018 per poi risalire all'1% nel 2019; nel Centro-Nord, invece, la caduta e' continua dall'1,5% del 2017 all'1,3% del 2018, all'1,1% del 2019". (Dire)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news