14 gennaio 2022 ore: 14:41
Salute

Marche, fibromialgia e sensibilità chimica multipla: verso l'istituzione di comitato scientifico e registri

Dalla Commissione Sanità il via libera per la proposta di legge che vuole "dare più facile attuazione ai contenuti della normativa regionale con la quale nel 2017 la Regione ha riconosciuto fibromialgia e sensibilità chimica multipla come vere e proprie patologie"

ROMA - Via libera dalla Commissione Sanità per la proposta di legge che istituisce un Comitato tecnico scientifico regionale su fibromialgia e sensibilità chimica multipla e due distinti registri regionali dei malati con tali patologie. “Attraverso questa normativa si vuole assicurare una maggiore uniformità e appropriatezza nell’erogazione delle prestazioni sanitarie alle persone affette da fibromialgia e sensibilità chimica multipla, due malattie subdole e difficilmente individuabili, che attendono ancora, a livello nazionale, di essere riconosciute all’interno dei Lea”, spiega in una nota la Presidente della Commissione, Elena Leonardi (FdI).

Tra le finalità della proposta di legge - a iniziativa dei consiglieri Ciccioli, Leonardi, Assenti, Ausili, Baiocchi, Borroni, Putzu (Fratelli d’Italia) e Santarelli (Rinasci Marche) - anche quella di “dare più facile attuazione ai contenuti della normativa regionale con la quale nel 2017 la Regione Marche ha riconosciuto fibromialgia e sensibilità chimica multipla come vere e proprie patologie”,  spiega la presidente.

Il Comitato tecnico scientifico istituito con la proposta di legge (relatori Carlo Ciccioli, FdI, per la maggioranza, e Maurizio Mangialardi, Pd, per l'opposizione) avrà funzioni propositive e consultive. Ne faranno parte anche sei medici specialisti, provenienti da medicina interna, algologia, reumatalogia, neurologia, fisiatria e psichiatria. Nell’organismo, istituito presso la Giunta, saranno inoltre presenti cinque rappresentati delle associazioni del terzo settore o dei comitati regionali impegnati nel sostegno alle persone affette dalle due patologie, si legge. Al Comitato spetterà il compito di predisporre le linee guida per il percorso diagnostico-terapeutico multidisciplinare ai fini della presa in carico dei malati e sarà chiamato, inoltre, ad esprimere parere sui contenuti del piano triennale regionale di formazione e aggiornamento professionale del personale sanitario. Dovrà coordinare i registri regionali dei soggetti affetti da fibromialgia e sensibilità chimica multipla e resterà in carica tre anni. I componenti potranno essere riconfermati.

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news