21 aprile 2015 ore: 17:18
Immigrazione

Mare nostrum europea, stop a Dublino e reinsediamento: le richieste delle associazioni

Appello di alcune delle principali organizzazioni che si occupano di migranti: Oxfam Italia, Concord Italia, Save the Children, AoI, Arci, Focsiv, Cospe e Cocis. “1600 morti dall’inizio dell’anno sono numeri da guerra, situazione è intollerabile: Italia e Europa agiscano subito”
www.fabriziovilla.it Immigrazione: gommone con immigrati in mare (Fabrizio Villa 5)

Foto di Fabrizio Villa

- ROMA  - Un appello congiunto al governo italiano e all’Unione europea per chiedere la creazione di una “Mare Nostrum” europea, la sospensione del Regolamento di Dublino e il reinsediamento dei migranti beneficiari di protezione internazionale. A firmarlo sono alcune delle organizzazioni internazionali che si occupano di immigrazione: Oxfam Italia, Concord Italia, Save the Children, AoI, Arci, Focsiv, Cospe e Cocis.

“Oltre 1600 vittime dall’inizio dell’anno. Tra i 15mila e 25mila i migranti morti nel tentativo di attraversare il Mediterraneo dal 1998. Sono i numeri di una guerra che giorno dopo giorno si sta svolgendo nel Mediterraneo sotto i nostri occhi, di fronte ad un Europa bloccata da veti incrociati, timidezze, egoismi e discorsi propagandistici – si legge nell’appello - L’ennesima mostruosa strage nella notte tra sabato e domenica deve rappresentare uno spartiacque tra ciò che è stato e ciò che non potrà più essere. Come organizzazioni della società civile riteniamo che non sia più tempo di tentennamenti: avanziamo una serie di richieste alle Istituzioni Europee e agli Stati Membri non più come singole associazioni, ma creando un coordinamento che chiarisca quanto, a fronte di una situazione che ci appare intollerabile, intendiamo alzare la nostra voce a tutela dei diritti dei migranti coinvolti in una vera e propria catastrofe umanitaria”.

Nello specifico, le associazioni  chiedono al governo italiano, alla commissione e al consiglio dell’Unione Europea di: avviare un’operazione di ricerca e salvataggio (sul modello di “Mare Nostrum”) promossa, coordinata e finanziata a livello europeo, con il mandato del soccorso e della protezione dei migranti in mare; di gestire e rendere concretamente possibile il processo di reinsediamento per i beneficiari di protezione internazionale. “Garantire a uomini, donne e bambini, un transito sicuro verso l’Europa, in coordinamento con spazi umanitari e campi profughi, con la regia dell’Unhcr e la partecipazione attiva delle organizzazioni della società civile e per i diritti dei migranti – si legge - affinché venga salvaguardata la dignità umana e offerta una concreta via di fuga, di protezione e di sviluppo umano”. Inoltre chiedono di sospendere per almeno 12 mesi il Regolamento di Dublino che, obbligando i migranti a richiedere asilo nel Paese di arrivo, “genera squilibri e prolunga il calvario dei richiedenti asilo anche dentro le frontiere europee”; e di legare i processi di migrazione a programmi di cooperazione internazionale e con lo sviluppo dei Paesi di origine e transito attraverso accordi internazionali che “considerino la mobilità come una scelta che può favorire lo sviluppo umano, e che riportino condizioni specifiche sul rispetto dei diritti umani in quei Paesi, senza introdurre elementi di ricatto per trasferire la responsabilità della gestione dei flussi dei richiedenti asilo nei Paesi intorno all'Europa e al Mediterraneo”.

Infine l’appello si rivolge anche ai mezzi di comunicazione chiedendo di costruire una nuova narrativa rispetto al fenomeno migratorio che “consenta un dibattito pubblico serio, basato sulla conoscenza dei dati reali, smascherando, di fronte ad un problema drammatico e complesso, il prevalere di speculazioni propagandistiche e di strumentalizzazioni elettorali, che hanno ormai influenzato gravemente l’opinione pubblica”. Le organizzazioni firmatarie dell’appello si rivolgono con forza all’Unione Europea e ai suoi organismi decisionali (Parlamento, Commissione e Consiglio) perché non ci siano nuove stragi e ribadiscono il loro impegno per la realizzazione delle azioni previste in questo documento.

© Copyright Redattore Sociale