31 maggio 2011 ore: 17:13
Immigrazione

Maroni: "Interrotti i flussi massicci grazie ai rimpatri"

In Italia "si sono interrotti i flussi massicci" di sbarchi di immigrati dal Nord-Africa "e questo dimostra che la politica dei rimpatri e dei pattugliamenti funziona". E' quanto dice il ministro all'Interno, Roberto Maroni, durante un'audizi...

Roma - In Italia "si sono interrotti i flussi massicci" di sbarchi di immigrati dal Nord-Africa "e questo dimostra che la politica dei rimpatri e dei pattugliamenti funziona". E' quanto dice il ministro all'Interno, Roberto Maroni, durante un'audizione davanti al Comitato parlamentare Schengen.

Quindi da' i numeri degli ultimi arrivi: "Dall'inizio dell'anno sono oltre 42 mila gli immigrati sbarcati sulle nostre coste, di provenienza soprattutto libica". Attraverso la Libia, aggiunge, "ad oggi sono 18.364 gli arrivi di cittadini in prevalenza subsahariani, eritrei e somali". L'accordo con la Tunisia, invece, "funziona" e dal 5 aprile "sono 908 gli sbarchi da quel Paese". Chi non ha i requisiti per l'asilo politico, continua il ministro "viene identificato e rimpatriato". Per tutti gli altri "e' stato predisposto un piano di accoglienza con le Regioni, escluso l'Abruzzo, che pero' potrebbe essere ripensato su richiesta di alcuni governatori". Il Veneto, ad esempio, "preferirebbe l'individuazione sul loro territorio di centri di accoglienza, i Cara, piuttosto che luoghi" individuati di volta in volta "dove accogliere poche decine di rifugiati". Nei prossimi giorni, annuncia, ci sara' una riunione a Palazzo Chigi con la Protezione civile e le Regioni per rivedere il piano, che consente l'accoglienza di 50 mila persone. Ad oggi, conclude, "sono stati accolti in 18 mila e quindi c'e' ancora un margine di accoglienza, anche se l'unico modo per far si' che i flussi cessino e che si ponga fine alla guerra in Libia e si passi a una soluzione diplomatica".

Tra l'altro, il capo del Viminale, teme "una nuova ondata di sbarchi tra settembre e ottobre dalla Tunisia se la stagione turistica andra' male, visto che l'economia di Tunisi si regge sul Turismo".

(DIRE)
© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news