27 ottobre 2014 ore: 16:53
Salute

Medicina contro lo stigma, a Bologna un incontro sulla Terapia comunitaria integrativa

La Tci è una metodologia che coinvolge nella cura la famiglia del malato e tutta la comunità. L'ideatore Adalberto Barreto sarà ospite il 4 novembre del Centro di servizi per il volontariato Volabo
Alzheimer, mano di giovane e anziano

BOLOGNA - La promozione co-partecipativa della salute è il primo scopo della Terapia comunitaria integrativa (Tci), una metodologia, utilizzata da 20 anni in America latina ed in altre parti del mondo, che consente di evitare lo stigma della comunità nei confronti del malato e rende le famiglie e le risorse della comunità partner indispensabili. La Tci sarà anche il tema al centro di un incontro organizzato da Volabo, il Csv della provincia di Bologna, in collaborazione con Caritas Bologna e Case Zanardi, in programma martedì 4 novembre presso l’auditorium Villaggio del fanciullo, in via Scipione dal Ferro, 4.

La Tci nasce nel 1987, quando il prof. Adalberto Barreto, che sarà ospite dell’evento bolognese, viene a contatto con la comunità di un quartiere degradato di Fortaleza, nel nord est del Brasile, ed avvia un’attività di accoglienza e responsabilizzazione a livello locale. Da quell’esperienza nasce una metodologia di lavoro ancora oggi utilizzata in quella parte del mondo. L’approccio di questa metodologia non è curare la malattia, ma accogliere ed affrontare le difficoltà e le sofferenze del quotidiano a partire dalla condivisione delle esperienze di vita.

L’incontro organizzato dal Csv vedrà la partecipazione, del professor  Barreto, dottore in psichiatria e antropologia, docente della Facoltà di Medicina dell’Università Federale del Cearà (Fortaleza – nord est del Brasile), coordinatore del Progetto “4Varas” e del Mismec Cearà Movimento Integrato di Salute Mentale Comunitaria, di Maura Fabbri della Caritas di Bologna, di Don Massimo Ruggiano, della parrocchia di Quarto Inferiore e di Gian Paolo Perrella. Per informazioni visita il sito del Csv di Bologna  

© Copyright Redattore Sociale