9 novembre 2021 ore: 12:42
Società

Medio Oriente e Nord Africa, 18 scuole riaprono: "Fondamentale anche per il benessere"

Nella regione almeno 39 milioni di bambini (circa il 40%) non hanno avuto accesso all’apprendimento da remoto: in alcuni paesi, fra cui Libia, Sudan, Siria e Yemen, l’accesso a internet è minore del 35%. E prima della pandemia, circa 15 milioni di bambini non andavano a scuola. Le richieste di Unicef

ROMA - “La riapertura delle scuole è fondamentale, non solo per l’istruzione dei bambini, ma anche per il loro benessere. L’impatto della chiusura delle scuole sulla salute mentale dei bambini è stato enorme”. Così Ted Chaiban, direttore regionale dell’Unicef per il Medio Oriente e il Nord Africa commenta la ripartenza delle lezioni nel paese in18 istituti, che stanno combinando insegnamento e apprendimento in persona e da remoto per i bambini e gli insegnanti. 

"Le scuole nella regione sono state chiuse dalle 4 alle 6 settimane in più rispetto alla media globale. - spiega Unicef - In totale, la maggior parte delle scuole sono state chiuse per due terzi dell’anno accademico, compromettendo l’apprendimento e il benessere di milioni di bambini in ogni gruppo d’età". Mentre tutti i paesi nella regione hanno reso almeno una piattaforma online disponibile per permettere l’apprendimento da casa durante le chiusure scolastiche, almeno 39 milioni di bambini (ovvero circa il 40%) non hanno avuto accesso all’apprendimento da remoto, segnala la ong. Questo è stato dovuto in primo luogo alla povertà digitale – la mancanza o l’accesso sporadico a internet e/o non avere abbastanza dispositivi digitali in casa. In alcuni paesi, fra cui Libia, Sudan, Siria e Yemen, l’accesso a internet è minore del 35%. 

Inoltre "i governi nella regione spendono solo il 14% dei loro budget nell’istruzione, al di sotto della media globale e dell’obiettivo internazionale". 

La pandemia da Covid-19 non ha fatto che aggravare la crisi dell’istruzione per milioni di bambini in Medio Oriente e Nord Africa. Prima della pandemia, circa 15 milioni di bambini non andavano a scuola e circa due terzi dei bambini della regione non riusciva a leggere a capire un semplice testo, adatto alla loro età, a 10 anni.  “Non è abbastanza riaprire semplicemente le porte delle aule. È tempo di rendere prioritario il ritorno all’apprendimento nella regione, non solo attraverso budget e finanziamenti dedicati, ma anche focalizzandosi sulle competenze utili per la vita e la riduzione della povertà digitale, anche espandendo la larghezza di banda di internet e rendendo i dispositivi e le attrezzature digitali maggiormente disponibili e accessibili per colmare il divario digitale”, ha aggiunto Chaiban. 

L'Unicef, che sta lavorando con i governi e altri partner nella regione per sostenere gli insegnanti e le scuole a riprendere l'insegnamento e l'apprendimento e portare tutti i bambini e i giovani a scuola, chiede: 
di supportare tutti i bambini della regione affinché riprendano al più presto l'apprendimento in persona con programmi di recupero per mettersi in pari con ciò che hanno perso, mentre gli insegnanti ricevono il supporto di cui hanno bisogno per la nuova regolamentazione, compreso l'apprendimento misto; di dare la priorità alla vaccinazione degli insegnanti nelle campagne nazionali di vaccinazione, che tuttavia, non dovrebbe essere un prerequisito per la riapertura della scuola, e adottare ulteriori misure di sicurezza nelle scuole; dotare gli insegnanti delle competenze necessarie, comprese quelle digitali perché "un insegnante competente, abile e motivato è un elemento fondamentale di un sistema scolastico"; rendere i sistemi scolastici più flessibili e focalizzarsi per aiutare i bambini ad acquisire competenze rilevanti, comprese quelle per l'empowerment personale e il benessere, l'apprendimento permanente e l'adattabilità, la possibilità di impiego e la transizione al lavoro, la partecipazione e la cittadinanza attiva; aumentare i budget governativi per riformare i sistemi formativi; promuovere partenariati con il settore privato, comprese le società di telecomunicazioni e internet, per espandere la larghezza di banda e le infrastrutture di rete e fornire opzioni accessibili alle famiglie, agli insegnanti e alle scuole per ridurre il divario digitale anche nelle aree povere, rurali e remote. 

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news