25 ottobre 2022 ore: 14:09
Immigrazione

Memorandum con la Libia sui migranti, domani a Roma il "no" di 40 ong

I movimenti organizzano una conferenza e una protesta contro l'intesa. Se entro il 2 novembre il governo italiano non deciderà per la sua revoca, il Memorandum verrà automaticamente rinnovato per altri tre anni

ROMA - "Le conseguenze del Memorandum sulle persone trattenute in Libia tra abusi, sfruttamento, detenzione arbitraria e torture e fare luce sulla gestione dei fondi europei che finanziano la Guardia costiera libica". Sono i principali temi di una conferenza stampa organizzata per domani a Roma da 40 organizzazioni, come si apprende da una nota.

L'incontro, che, informa il comunicato, "si terrà il prossimo alle ore 14.30 presso la Sala Cristallo dell'hotel Nazionale in Piazza di Monte Citorio 131", è stato indetto "per chiedere all'Italia e all'Europa di riconoscere le proprie responsabilità e non rinnovare gli accordi con la Libia". Il memorandum Italia-Libia è stato siglato nel febbraio 2017 ed è stato rinnovato per altri tre anni nel 2020.

"Se entro il 2 novembre il governo italiano non deciderà per la sua revoca, il Memorandum Italia-Libia verrà automaticamente rinnovato per altri tre anni - spiega la nota -. Si tratta di un accordo che da ormai cinque anni ha conseguenze drammatiche sulla vita di migliaia di donne, uomini e bambini migranti e rifugiati. Dal 2017 ad ottobre 2022 quasi 100mila persone sono state intercettate in mare dalla guardia costiera libica e riportate forzatamente in Libia, un Paese che non può essere considerato sicuro".

Dopo la conferenza stampa, prosegue la nota, "le organizzazioni invitano la società civile a scendere in piazza durante la manifestazione organizzata alle 17,30 in Piazza dell'Esquilino".

Fra le organizzazioni promotrici dell'iniziativa ci sono: A Buon Diritto, Acli, ActionAid, Agenzia Habeshia, Alarm Phone, Amnesty International Italia, Asi, Arci, Asgi, Centro Astalli, Emergency e Cgil. (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news