21 febbraio 2017 ore: 15:16
Immigrazione

Migranti, 22enne del Burkina Faso: aiutati da cgil, lo Stato non ci accoglie

"La Cgil ci ha aiutati, oggi risolviamo un problema economico piccolo ma che ci portiamo avanti da tempo". Sono le parole del 22enne originario del Burkina Faso, Kassoum Compaore, che insieme alla sua famiglia si vedrà rimborsare dallo Stato 500 eu...
Burkina Faso

ROMA - "La Cgil ci ha aiutati, oggi risolviamo un problema economico piccolo ma che ci portiamo avanti da tempo". Sono le parole del 22enne originario del Burkina Faso, Kassoum Compaore, che insieme alla sua famiglia si vedra' rimborsare dallo Stato 500 euro per le tasse illegittimamente versate per il rilascio e il rinnovo del permesso di soggiorno.

In Italia da 9 anni, Kassoum vive con la sua famiglia a Melito, nel Napoletano, e quest'anno conseguira' il diploma alberghiero dopo aver frequentato per 5 anni l'istituto Vittorio Veneto di Scampia, a Napoli.

"Ho un ottimo rapporto con i miei compagni di scuola - racconta -. Ho molti amici, li ho conosciuti frequentando le scuole medie. Per strada qualcuno mi disturba ma questo succede in tutto il mondo. Quest'anno mi diplomero' e sogno di fare il cuoco qui in Italia. Se non dovessi trovare lavoro andro' fuori". Kassoum si sente accolto a scuola "e l'Italia mi piace - dice - ma a livello politico il problema dell'integrazione e' affrontato molto peggio che in altre parti d'Europa. Qui ti accolgono inizialmente ma poi ti abbandonano. Ho molti amici venuti qui con i barconi che hanno atteso i documenti per un anno o per due dopo aver fatto richiesta. Le cose in Inghilterra e in Germania funzionano molto meglio". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale