15 settembre 2016 ore: 18:10
Immigrazione

Migranti, Caritas Francia: 30 i morti a Calais in 18 mesi

Parla Didier Degre'mont, presidente del Secours catholique Pas de Calais"I tentativi di rafforzare le misure di sicurezza a Calais non faranno che spingere all'estremo a tentare il passaggio nel Regno Unito

Roma - "I tentativi di rafforzare le misure di sicurezza a Calais non faranno che spingere all'estremo i tentativi di questi uomini e queste donne di tentare il passaggio nel Regno Unito. Gia' 30 giovani sono morti nel giro di un anno e mezzo". E' quanto rende noto Didier Degre'mont, presidente del Secours catholique Pas de Calais a proposito del muro che l'Inghilterra ha deciso di costruire sul suolo francese per impedire che i migranti da Calais possano raggiungere le coste britanniche.

"Il muro - ha proseguito Degre'ment - e' l'espressione di una vergogna, quella che nega l'esistenza di questi uomini, donne e bambini da mesi presenti sul territorio, e quella che evidenzia la mancanza di una vera e propria politica europea, ma anche internazionale, e la volonta' di prendersi carico della crisi migratoria". Il muro- fa notare ancora il rappresentante del Secours catholique- che "gia' da mesi esiste", mira a detta dei politici a "rafforzare la sicurezza e impedire totalmente che i migranti lo possano oltrepassare". Ma e' "un non senso", perche' non solo "non cambiera' nulla" ma e' anche "pericoloso".

Per il rappresentante di Secours catholique e' "vergognosa" anche la quantita' di denaro inglese che verra' impiegata per la costruzione del muro. Un'opera- ha aggiunto- "che dovra' un giorno sparire". Ricordando l'impegno concreto del Secours catholique sul campo al fianco dei migranti, Degre'mont lancia un appello: "E' tempo che l'Europa si svegli e che il mondo agisca nella verita'. Che si considerino questi uomini, donne e bambini come una ricchezza. Che si cambi l'immagine dei migranti, che i media veicolino la verita' e non il sensazionale, e che i politici agiscano con coraggio". (www.agensir.it) (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale