5 gennaio 2016 ore: 16:36
Immigrazione

Migranti, Centro Astalli: "L'Europa si chiude in una fortezza priva di senso e visione"

I corpi di almeno 21 migranti rinvenuti sulla costa egea. Padre Ripamonti: “Non possiamo derogare ai principi democratici mettendo in atto misure che vadano a violare diritti e limitare libertà di persone che fuggono da violenze e persecuzioni”
Europa

ROMA - I corpi di almeno 21 migranti, fra cui quelli di 3 bambini, sono stati rinvenuti all’alba di oggi in due diverse località della costa egea. Nelle stesse ore molti paesi europei decidono e valutano di chiudere le frontiere per evitare l’ingresso dei profughi sui propri territori nazionali. Il Centro Astalli in una nota torna a ribadire che “il rafforzamento delle frontiere, l’abolizione di Schengen, il respingimento dei migranti non sono la via per trovare soluzioni a lungo termine ed allontanare lo spettro del terrorismo”.  “Tale approccio securitario porta inevitabilmente a vere e proprie violazioni di convenzioni internazionali – si precisa -, lede il diritto di chiedere asilo di chi fugge da guerre e persecuzioni e prima ancora rischia di minare le fondamenta della nostra stessa democrazia”.

Secondo padre Camillo Ripamonti, presidente del Centro Astalli, vi sono alcune priorità non più procastinabili: “Basta morti nel Mediterraneo. È inaccettabile continuare a rimanere fermi, ogni volta un po’ più indifferenti della precedente. La commozione di per sé non rappresenta una soluzione, non è una risposta al problema. Se non fermiamo il massacro siamo tutti responsabili”.
Per il presidente del Centro Astalli, “investire in integrazione è l’unico antidoto alla paura. Migliaia di persone oggi si ritrovano a chiedere asilo in contesti europei spesso ostili che ancora in troppe occasioni sono influenzati da razzismo e xenofobia. Sono ancora troppi i ghetti urbani e culturali dove la marginalizzazione non può far crescere nulla di buono. La sicurezza di una società si alimenta con un’accoglienza diffusa, con politiche serie e strutturali di integrazione socio-lavorativa e con la creazione di spazi di incontro e relazione in cui tutti possano esprimere il loro potenziale umano”.

E conclude. “Non possiamo derogare ai principi democratici mettendo in atto misure che vadano a violare diritti e limitare libertà di persone che fuggono da violenze e persecuzioni. L’Europa si contrapponga alle dittature con il rafforzamento delle democrazie, alle persecuzioni con il rispetto dei diritti umani di ciascuno, alla guerra e alla morte con logiche di pace e accoglienza”. 

© Copyright Redattore Sociale