12 giugno 2015 ore: 12:03
Immigrazione

Migranti minorenni rinchiusi a Regina Coeli per l'identificazione

Solo dopo la protesta di Asgi e Antigone sono stati rilasciati. "Chiediamo al governo di riferire sull’accaduto in Parlamento e di porre fine a questa prassi illegittima"
Carcere. Sbarre e ragazzo in sfondo

MILANO - Minori rinchiusi in un carcere per adulti, con la sola colpa di essere migranti. È quanto successo lasettimana scorsa ad alcuni ragazzi somali, che erano trattenuti nella Casa circondariale di Regina Coeli a Roma per le procedure di identificazione e di accertamento dell'età. Grazie alla proteste di due associazioni, Asgi e Antigone, i minori sono stati rilasciati. "Resta però la gravità dell'accaduto -scrivono in un comunicato stampa le due associazioni-. Trattenere minorenni, per di più che fuggono da guerre e conflitti interni, presso un istituto di pena destinato ai maggiorenni è contrario al buon senso prima ancora che al diritto, anche qualora questi non intendano presentare domanda di protezione internazionale in Italia. Chiediamo al Governo di riferire sull’accaduto in Parlamento e di porre fine a questa prassi illegittima". (dp)

© Copyright Redattore Sociale