6 giugno 2018 ore: 15:22
Immigrazione

Migranti, Nardella a Salvini: Cpr in Toscana, pronto al confronto

"Il decreto dei ministri Minniti e Orlando sul ripristino dei centri di permanenza e rimpatrio e' molto efficace. Mi auguro che Salvini non cambi quel decreto". Lo sottolinea il sindaco di Firenze Dario Nardella a margine del congresso...

FIRENZE - "Il decreto dei ministri Minniti e Orlando sul ripristino dei centri di permanenza e rimpatrio e' molto efficace. Mi auguro che Salvini non cambi quel decreto". Lo sottolinea il sindaco di Firenze Dario Nardella a margine del congresso toscano della Uil, in corso a Palazzo Vecchio. "Come sindaco- aggiunge- sono pronto ad un confronto con il ministro dell'Interno, perche' anche la Toscana ha bisogno di un centro di rimpatrio per gli stranieri irregolari socialmente pericolosi".

Detto questo, precisa Nardella, "non stiamo parlando di rimpatriare le badanti, le persone che lavorano onestamente o che comunque risiedono secondo le leggi del nostro territorio. Non ci interessa l'ideologia, infatti, ma il pragmatismo". Dunque, spiega, "ci interessa collaborare con la Regione e con il ministero degli Interni per attuare il decreto Minniti, specialmente individuando un centro di rimpatrio per stranieri socialmente pericolosi. È questo il punto". Dopodiche', continua il primo cittadino, "se Salvini litiga e offende proprio quei Paesi stranieri che devono collaborare con l'Italia per i rimpatri, e' evidente che i centri di rimpatrio non servono a nulla". In sostanza, conclude Nardella, "oltre ai centri per il rimpatrio e' fondamentale una strategia di collaborazione costruttiva con tutti i Paesi stranieri. Perche' se offendiamo quelli che si devono riprendere gli immigrati, possiamo star sicuri che rimarranno in Italia". (DIRE)

© Riproduzione riservata Ricevi la Newsletter gratuita Home Page Scegli il tuo abbonamento Leggi le ultime news