14 giugno 2019 ore: 15:25
Immigrazione

Sea Watch, a bordo anche 5 minori: “Serve porto sicuro europeo”

di Eleonora Camilli
Parla l’avvocato di Sea Watch. “Impossibile riportare le persone in Libia. Rimaniamo in attesa, ma non ci stiamo a essere considerati un gruppo illegale, l’operato dell’ong già valutato da diverse procure”. Sulla nave 53 persone, due sono neonati
Sea Watch Migranti a bordo di Sea Watch

Migranti a bordo di Sea Watch

ROMA - A bordo con 53 persone, tra cui donne e 5 bambini, 2 dei quali molto piccoli, e il rischio di un nuovo lungo stallo. Il braccio di ferro tra il Viminale e la nave dell’ong Sea Watch sembra infatti destinato a durare. Dopo l’ultima direttiva mirata, emanata ieri, in cui si chiede all’ong di rispettare di fatto il coordinamento assunto dalla cosiddetta guardia costiera libica e di riportare i migranti in Libia e il secco no di Sea Watch, è intervenuta questa mattina anche la Commissione europea : "Tutte le imbarcazioni che navigano con bandiera Ue sono obbligate a rispettare il diritto internazionale quando si tratta di ricerca e soccorso, cosa che comprende la necessità di portare le persone salvate in un porto sicuro. La Commissione ha sempre detto che queste condizioni attualmente non ci sono in Libia”, ha sottolineato  la portavoce Natasha Bertaud. Ma il ministro Salvini continua sulla linea dura: “Stiamo assistendo all’ennesima sceneggiata: dicono di essere i buoni, ma stanno sequestrando donne e bambini in mezzo al mare- ha scritto stamattina su Twitter - Per loro, #portichiusi!

Intanto Sea Watche resta a 16 miglia di distanza da Lampedusa in attesa dell’indicazione di un porto sicuro di sbarco. “Il ministro ama fare dichiarazioni, ci sono dei naufraghi in mare e ha dichiarato che l’ong sarebbe responsabile di sequestro di persona - sottolinea l’avvocato di Sea Watch, Alessandro Gamberini -. , Forse vuole ribaltare su altri quello che ha fatto lui. Il sequestro si ha quando si toglie la libertà a una persona, affermare che i profughi vogliano tornare in Libia mi sembra quanto meno paradossale, così come pensare di considerare Tripoli un porto sicuro. La valutazione, fatta da chiunque, a partire da Unhcr, dice che è impossibile considerarlo un place of safety, tanto più oggi che c’è una guerra civile in corso. Non si possono rimandare le persone in un porto dove a 15 km di distanza ci sono truppe che cercano di occupare la città”.

Per ora dunque, l’imbarcazione attende, ma l’intenzione è comunque quella di dirigersi verso un porto europeo. “Le scelte oggi sono obbligate, quando si risponde beffardamente, non solo dal Viminale ma anche dall’Mrcc (centro di coordinamento marittimo, ndr) facendo intendere che il porto sicuro più vicino, oltre quello di Tripoli è la Tunisia - aggiunge -. Ci  si dimentica un’altra cosa che è sotto gli occhi di tutti e cioè che da due settimane una nave marcantile con a bordo 70 naufraghi giace a largo del porto di Zarzis senza l’autorizzazione allo sbarco. La Tunisia in passato ha negato persino un ridosso e oggi sta negando lo sbarco. Noi rimaniamo in attesa, ma le ragioni per andare in un porto europeo sono inevitabili”.

A rendere sempre più imminente la necessità di uno sbarco è la presenza di minori a bordo, tra cui due neonati. “Ormai vengono emesse ordinanze che esprimono il segno linguistico di un burocrate del ministero che ignora il diritto marittimo - spiega l’avvocato di Sea Watch - Si dichiara cioè che una nave con 50 migranti a bordo è una nave offensiva per la sicurezza pubblica dell’Italia, come fosse una nave di un paese in guerra contro di noi. Tutte queste sarebbero affermazioni risibili se non ci trovassimo di fronte a una vicenda seria e preoccupante. Preoccupante perché il ministro degli Interni ha deciso ancora una volta di fare un braccio di ferro, che parte dall’idea aggressiva, che Sea Watch sia un gruppo illegale che si aggira per i mare. Abbiamo sporto querela per mettere uno stop a questa narrazione, perché quella nave è stata valutata da varie procure siciliane, da quella di Catania, Siracusa ed Agrigento. Tutte hanno affermato che si tratta di  un’ong che svolge il suo mestiere in modo legittimo e coerente. Poi ovviamente ogni singolo salvataggio va valutato. Ma a bordo ci sono anche dei minori, questo rende la richiesta di un porto sicuro ancora più imminente”.


© Copyright Redattore Sociale