11 ottobre 2017 ore: 14:26
Disabilità

Milano, assistenza scolastica studenti sordi: l’Ens passa alle vie legali

La denuncia dell'Ente nazionale sordi, a un mese dall'inizio dell'anno scolastico. "Abbiamo già diffidato Regione Lombardia, adesso passeremo alle vie legali", annuncia il presidente Virginio Castelnuovo. Venerdì 13 ottobre, assemblea pubblica con gli studenti e le loro famiglie
Sostegno, scuola, bambino scrive

MILANO - A un mese dall'inizio della scuola, gli studenti sordi di Milano e degli altri comuni della Città metropolitana sono senza assistenza in classe. È quanto denuncia la sezione di Milano dell'Ente nazionale sordi (Ens). "Abbiamo già diffidato Regione Lombardia, adesso passeremo alle vie legali", annuncia il presidente Virginio Castelnuovo. E per venerdì 13 ottobre, alle ore 19 alla Casa dei diritti (via De Amicis 10) ha indetto un'assemblea pubblica per fare il punto sui servizi d’inclusione scolastica: "L’assemblea vedrà, in un ruolo protagonistico, gli studenti sordi e le loro famiglie, i professionisti dell’area dell’assistenza, gli insegnanti e gli educatori specializzati.

L'Ens ha criticato fin dall'inizio nel nuove linee guida della Regione Lombardia sull'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, che affidano all'Ats la gestione dei servizi di assistenza per gli alunni ciechi o sordi. "Un dato di fatto: Ats Milano, solo dallo scorso 18 settembre e con una lentezza esasperante, ha iniziato a trasmettere all’indirizzo delle famiglie l’elenco degli operatori qualificati", denuncia l'Ens. Non solo. Le linee guida non contemplano l'assistenza per i bambini all'asilo nido, per quelli che vengono iscritti in scuole fuori dalla Lombardia e per gli studenti universitari. (dp)

© Copyright Redattore Sociale