12 giugno 2013 ore: 13:46
Welfare

Milano, Majorino: “Stiamo cercando di riparare al danno causato ai disabili”

L’assessore alle Politiche sociali rileva i tagli nel settore dell’assistenza domiciliare indiretta e dei soggiorni estivi. E sul trasporto svela: “Le tariffe delle imprese private non sono più accettabili. Penso che il Terzo settore potrebbe occuparsene”
MILANO - I tagli al bilancio del Comune di Milano qualche vittima l'hanno fatta. Lo ammette per primo l'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino. "Stiamo cercando di riparare al danno che abbiamo causato alle persone nell'assistenza domiciliare indiretta", afferma nel suo intervento questa mattina a Palazzo Marino, durante il convegno di presentazione di ProgettaMi (vedi lanci precedenti).

Con due delibere (1204 e 1205 del 2013) la Giunta Pisapia ha tagliato del 30 per cento il contributo economico che spetta a chi sceglie di "assumere" direttamente l'assistente familiare, del 50 per cento i fondi per i soggiorni estivi e ristretto il numero delle persone che avranno un sostegno per le spese di trasporto. "È la conseguenza della drastica riduzione dei trasferimenti ai Comuni da parte dello Stato -spiega Pierfrancesco Majorino-. E il Governo Letta non mi sembra intenzionato a coprire questa riduzione delle risorse con misure nazionali di sostegno al reddito". Alla Regione Lombardia l'assessore chiede "di chiarire in tempi brevi quali risorse intende mettere in campo". E aggiunge: "Le tariffe delle imprese private che si occupano di trasporti di disabili non sono più accettabili, in un periodo come questo. Penso che il terzo settore potrebbe occuparsi di questa attività, con una significativa riduzione delle tariffe". (dp)
© Copyright Redattore Sociale